Connect with us

Food & Wine

Cucinare con gli avanzi: fonduta di formaggio è la ricetta della settimana

Pubblicato

-

Grazie a diversi studi e all’iniziativa “Diario dei rifiuti alimentari” del Centro Tutela Consumatori Utenti si è potuto constatare che i cibi che non vengono più percepiti come freschi finiscono nella spazzatura. Questo spreco deriva dal fatto che si acquista più del necessario, si cucina più di quanto si mangia e non si conservano correttamente gli alimenti.

Per contrastare questo fenomeno, il CTCU raccoglie ricette che prevedono l’utilizzo di avanzi di cibo e/o alimenti non più completamente freschi o in eccedenza. La fonduta di formaggio è un pasto molto amato per una tranquilla e piacevole cena di San Silvestro. È facile da preparare e si presta perfettamente al riutilizzo degli avanzi alla fine dei giorni festivi.

Fonduta di formaggio

per utilizzare: avanzi di formaggio a fette o a crosta fiorita, vino bianco, pane raffermo

Tempo richiesto: circa 25-50 minuti (per la variante analcolica serve più tempo)

Ingredienti per 6 porzioni:

  • • circa 500 g di vari formaggi affettati o a crosta fiorita (ad es. Fontina, Asiago, Provolone, Emmental, Tilsiter, Gouda, Raclette, Camembert, Brie)
  • • 1 spicchio d’aglio (a piacimento)
  • • 250-300 ml di vino bianco o spumante secco
  • • 2-3 cucchiai di acqua (o 2 cucchiai di grappa, gin o simili, a seconda dei gusti)
  • • 2-3 cucchiaini di amido alimentare
  • • noce moscata
  • • pepe

per la variante analcolica (al posto del vino o dello spumante, gli altri ingredienti rimangono invariati):

  • • circa 250 ml di brodo vegetale
  • • 2-3 cucchiaini di succo di limone
  • • 1 pizzico di bicarbonato di sodio

Preparazione:

Eliminare le eventuali croste del formaggio, nel caso di formaggio a crosta fiorita, rimuovere la muffa nobile. Grattugiare o tagliare finemente il formaggio e mescolarlo in una ciotola. Se si desidera, tagliare a metà lo spicchio d’aglio e strofinarlo sulla parte interna di una casseruola alta. Scaldare il vino o lo spumante nella casseruola, aggiungere poco a poco il formaggio e far sciogliere lentamente, mescolando in continuazione con movimenti “a otto” in modo che non si attacchi.

Quando la miscela giunge a leggera ebollizione, da parte, mescolare l’amido alimentare con 2 cucchiai di acqua fredda (o in alternativa grappa o simili) fino a ottenere un composto omogeneo, incorporare quest’ultimo alla miscela di formaggio e lasciar bollire per breve tempo. Insaporire il tutto con noce moscata e pepe. Togliere la pentola dal fornello e sistemarla sulla tavola sopra uno scaldavivande acceso per tenerla calda; mescolare di tanto in tanto durante il pasto.

Conviene preparare precedentemente gli ingredienti da intingere. A tale proposito si addicono, ad esempio: cubetti di pane, fresco o raffermo tostato, pezzetti di patate cotte (a pasta gialla), spicchi di mela, spicchi di pera, verdure sottaceto, verdure cotte ancora sode, come fiori di cavolfiore o carote a rondelle, funghi Champignon crudi o arrostiti tagliati a metà. Questi bocconcini vanno infilzati sulle forchette (da fonduta se disponibili) e immersi nella fonduta di formaggio calda.

Variante analcolica:

Al posto del vino o dello spumante, scaldare lentamente il brodo vegetale con il succo di limone. Incorporare poco a poco il formaggio e farlo fondere a fuoco lento, mescolando continuatamente. Attenzione: questa miscela non deve bollire, altrimenti il formaggio coagula! Quando il formaggio si è sciolto, mescolare 3 cucchiaini di amido alimentare con 3 cucchiai di acqua fredda fino a ottenere un composto omogeneo e aggiungerlo alla miscela, mescolando. Insaporire il tutto con noce moscata e pepe. Aggiungere infine il bicarbonato di sodio e mescolare. Servire la fonduta subito e sistemarla sulla tavola sopra uno scaldavivande acceso per tenerla calda.

Suggerimento:

Se preparate la fonduta di formaggio solo occasionalmente, non è necessario che acquistiate utensili appositi. Sono sufficienti una pentola convenzionale in acciaio inossidabile, uno scaldavivande e delle normali forchette.

Conoscete anche voi una comprovata ricetta che consenta di sfruttare gli avanzi di cibo e prodotti alimentari? Inviatecela (indicandone la fonte) al seguente indirizzo: info@centroconsumatori.it Con l’App UBO trovate gustose ricette da preparare anche con altri avanzi di cibo.

NEWSLETTER

Archivi

  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]

Categorie

di tendenza