Connect with us

Alto Adige

Lutto nel calcio femminile altoatesino: Unterland e C.F. Suedtirol salutano Verena Erlacher

Pubblicato

-

Calcio femminile altoatesino in lutto per la morte di una delle sue giovani promesse.

E’ infatti venuta a mancare Verena Erlacher, 19 anni, ex giocatrice dell’Unterland, la squadra di serie B di Cortina/Magré, del C.F. Suedtirol, della nazionale italiana under 17 e più recentemente in forza al Maia Alta.

La morte prematura della giovane centrocampista di Lagundo ed ex attaccante biancorossa ha scosso l’intero comparto del calcio femminile in Alto Adige.

Pubblicità
Pubblicità

Cordoglio da parte della società è stato espresso ai famigliari della ragazza anche attraverso un messaggio pubblicato sulla pagina Facebook del C.F. Suedtirol Damen:

Tutto il C.F. Sudtirol Damen è vicino alla famiglia Erlacher per la perdita della figlia Verena.

Noi Verena la vogliamo ricordare con il sorriso, la gioia e la passione che lei sapeva darci in campo e fuori.

Avremmo voluto rivederla con i nostri colori ma qualcosa di più grande di tutti noi, il tempo, la vita, non ce lo ha permesso.

La salutiamo nel modo che a lei faceva ridere quando lo ripeteva, dopo le prime volte che lo aveva sentito…ciao poppa!

La storia di un talento, quella di Verena, cresciuto sui campi da calcio altoatesini.

Idolo calcistico Neymar, unica benefica distrazione le uscite con gli amici, passeggiando in città, affiancata però dal grande impegno personale per migliorare la forma atletica.

A volte mi alleno a casa da sola – diceva – impostando un lavoro di carico aggiuntivo. In estate, invece, mi diletto tra piscina e palestra.”

Dei trascorsi di successo sui campi del Maia Alta e del C.F. Suedtirol, un recente passato radioso anche nell’Unterland e con la maglia azzurra, e un futuro ancora tutto da giocare. Ecco quello che la aspettava.

Una di quelle attaccanti con il pedigree del gol, con la freddezza dell’animo teutonico sotto rete, l’intelligenza tattica ed il fiuto del gol italiano, condensati nel destro di una punta bolzanina e del Suedtirol,  imperdonabile nel freddare i numeri uno avversari“.

La si ricorda così, come era stata descritta in una delle interviste che la resero conosciuta anche al grande pubblico, quella per Sky “La Giovane Italia”.

Iniziai a sei anni circa – aveva dichiarato – con i miei vicini nel cortile di casa. Poi, dopo insistenti richieste, un anno dopo, i miei genitori mi iscrissero nella società maschile del Lagundo.

Ci giocai, indossai il numero dieci sulle spalle e la fascia di capitano al braccio, fino a che, dopo cinque stagioni, passai al Suedtirol.

La prima esperienza bianco-rossa l’ho vissuta tra giovanissime e primavera, la seconda stagione invece nella formazione juniores appunto e, compiuti i quattordici anni, ho debuttato in Serie B.

Trascorsi due campionati in cadetteria adesso sono stabilmente titolare in A”.

Nell’aprile 2015 fu infatti l’occhio di Enrico Sbardella, in quel momento responsabile delle nazionali giovanili di calcio femminile per conto della FIGC, a catturare quel grande talento non più in erba e a convocarla  per vestire la maglia della nazionale italiana nella formazione che partecipò a Beja, in Portogallo, al Torneo Internazionale UEFA riservato a formazioni con atlete dall’età massima di 16 anni.

In quella occasione riuscì a mettersi in luce siglando la rete che al 26′ fissa sul 2-0 l’incontro con le pari età del Belgio.

Le buone prestazioni offerte nel torneo e nelle successive convocazioni convinsero la nuova responsabile della formazione nazionale Under 17, Rita Guarino, a inserirla in rosa nella squadra che partecipa alle qualificazioni dell’Europeo di categoria.

Tra Under-16 e Under-17 totalizza 5 presenze realizzando una rete.

Oggi il ricordo struggente del sorriso e dell’immensa voglia di fare di Verena si riassume in un’unica frase, nella risposta che diede quando le  chiesero quale fosse il suo sogno da “grande”:

Fare e vivere da professionista, anche se penso che ciò, ad oggi, possa risultare quasi impossibile. Ho anche il sogno nel cassetto di potermi vedere in un futuro allenatrice o personal coach… Ma chissà!

I funerali si terranno domani alle 17 a Lagundo.

 

 

 

Pubblicità
Pubblicità

Bressanone

Varna, 5mila euro di multa a 29enne ungherese che guidava ubriaco e senza mai aver preso la patente

Pubblicato

-

Durante il ponte di Ferragosto a Varna la Polizia ha fermato un cittadino ungherese di 29 anni lungo la statale 12 per guida in stato di ebbrezza.

Il giovane si trovava alla guida della sua auto con targa italiana con un tasso alcolemico di quattro volte superiore alla media.

Senza documenti di guida o carta di identità, lo straniero è stato accompagnato al Commissariato di Bressanone per i rilievi fotosegnaletici.

Pubblicità
Pubblicità

Li è risultato come il 29enne non avesse mai conseguito la patente di guida e per questo motivo gli è stata inflitta una multa di oltre 5.000 euro e il fermo amministrativo del veicolo per tre mesi.  

Continua a leggere

Alto Adige

Assessora Deeg in visita all’Euregio Summer Camp 2019

Pubblicato

-

Gli esiti delle attività realizzate nel corso della settima edizione dell’Euregio Summer Camp sono stati illustrati il 16 agosto, presso il centro culturale Grand Hotel a Dobbiaco all’assessora provinciale Waltraud Deeg e al segretario generale dell’Euregio Christoph von Ach dai 60 bambini e giovani provenienti da Alto Adige, Trentino e Tirolo che lo hanno frequentato per una settimana dal 10 al 17 agosto. L’assessora Deeg si era recata in visita al campo.

Tramite il gioco, incontri e confronti i giovani hanno sviluppato una serie di idee progettuali con l’obiettivo di contribuire alla crescita congiunta delle tre realtà regionali che connotano l’Euregio. Con l’occasione i giovani si sono potuti confrontare anche con le lingue e culture delle tre comunità. Il motto dell’iniziativa quest’anno si incentrava sul rapporto fra natura e cultura. I ragazzi sono stati seguiti dal coordinatore Florian Pallua e dal team degli assistenti dell’AFZACK.

Progetti quali l’Euregio Summer Camp svolgono un ruolo rilevante: infatti il messaggio dell’idea di Euregio deve raggiungere il cuore e proprio iniziative come questa vanno esattamente in questa direzione“, ha detto l’assessora provinciale Waltraud Deeg in occasione della sua visita al campo a Dobbiaco, entusiasta per l’impegno dimostrato dai ragazzi.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Val Pusteria

Nuovi interventi sulla statale della val Pusteria

Pubblicato

-

La strada statale della Val Pusteria (SS 49) è percorsa ogni giorno da circa 15.000 veicoli, con punte di 21.000 veicoli nelle giornate da “bollino nero” nell’alta stagione turistica. Per rendere questa arteria il più funzionale possibile dal punto di vista del traffico e per garantire qualità di vita ai cittadini e concorrenzialità alle aziende “stiamo intervenendo passo per passo nei punti nevralgici con molteplici interventi per rendere la strada più transitabile”, afferma l’assessore provinciale alle infrastrutture e mobilità Daniel Alfreider. Sono molteplici gli interventi di rilievo previsti tra Versciaco e Naz-Sciaves.

“Investire nella rete stradale non significa investire in più traffico, bensì in più sicurezza e in una migliore qualità della vita“, sottolinea l’assessore il quale aggiunge che “la raggiungibilità è un valore aggiunto irrinunciabile non solo per i turisti, ma soprattutto per pendolari, studenti e attività economiche”.

La base per giungere all’attuazione dei progetti è un sostegno finanziario sicuro e continuo. “Gli investimenti in infrastrutture sono anche una condizione importante per la qualità della vita in un ambiente sensibile come la Pusteria”, sostiene l’assessore Alfreider che aggiunge “I Giochi Olimpici Invernali di Anterselva 2026 devono quindi essere visti come un’opportunità per realizzare progetti di mobilità a lungo termine per la popolazione locale”.

Pubblicità
Pubblicità

Interventi per migliorare il traffico

Sono state completate due nuove rotatorie, quella nei pressi dello svincolo per la val di Braies e quella nei pressi della zona artigianale fra Brunico e S. Lorenzo di Sebato, che possono convogliare meglio i flussi di traffico. Altre due nuove rotatorie a Dobbiaco, attualmente in fase di costruzione, dovrebbero essere pronte entro il 2020 e andare a sostituire due snodi rendendo più fluido il transito. La circonvallazione sud di Brunico è in fase di risanamento: per settembre dovrebbe essere rinnovato l’asfalto affinché la strada sia più sicura in caso di pioggia.

Procedono a pieno ritmo i lavori per il nuovo accesso alla val Badia nei pressi di S. Lorenzo di Sebato, che dal 2021 consentirà l’ingresso diretto alla valle senza incrocio per i flussi di pendolari e turisti. L’opera consentirà di alleggerire il traffico di transito a S. Lorenzo di Sebato e a Floronzo.

Stanno per essere consegnati i lavori per migliorare la sicurezza del nuovo imbocco per la zona produttiva di Vandoies., e verranno realizzate anche due nuove varianti, quella di Chienes e quella di Perca, che contribuiranno a migliorare la qualità di vita nei due centri. Per la circonvallazione di Chienes i lavori potranno essere appaltati entro il 2019, mentre per la circonvallazione di Perca è in fase di predisposizione il progetto definitivo. A breve verrà consegnato il progetto esecutivo per per un accesso con maggiore visibilità verso Versciaco di Sopra e pubblicata la gara di progettazione per un incrocio più sicuro verso Sesto Pusteria senza passaggio a livello ferroviario. Un altro intervento sarà eseguito nei pressi dell’area di sosta a Naz Sciaves al fine di ridurre le code e migliorare la sicurezza di transito.

Non solo opere stradali

Il Dipartimento mobilità investe non solo nelle infrastrutture stradali, ma anche nel trasporto su rotaia. “Intendiamo rendere ancora più attrattiva la mobilità in treno dal punto di vista dei costi, dei tempi di percorrenza della comodità”, afferma l’assessore Alfreider. Tra i progetti della Provincia vi sono la costruzione della variante della val di Riga e dei nuovi centri intermodali a Brunico, Bressanone e S. Candido che consentiranno di passare in modo semplice e veloce da una forma di mobilità all’altra, dal treno al bus, alla bicicletta e viceversa.

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza