Connect with us

Bolzano

Mobilità, adesso è necessario un piano a breve termine

Pubblicato

-

Condividi questo articolo

L’appello della Circoscrizione Gries – San Quirino sulla lentezza da parte del Comune per mettere in sicurezza ciclisti e pedoni delle strade attraversate dai mezzi pesanti, alla luce dell’incidente dello scorso 10 ottobre, trova concorde CNA-SHV.

Non c’è altrettanta convergenza, da parte dell’Unione Artigiani e Piccole Imprese, sulla volontà di intervenire solo con divieti di transito negli orari di punta, anziché con misure di tutela che trovino consenso comune.

Dalla data dell’incidente di Piazza Mazzini che ha coinvolto una ciclista di 67 anni – osserva Claudio Corrarati, presidente di CNA-SHV – poco o niente si è fatto e tanto, forse troppo, si è parlato. In questo contesto, il Comune e anche le Circoscrizioni rischiano di fare molti proclami, ma poi, sulle cose concrete, di prendere poche e limitate soluzioni che aiutino l’economia che necessita di mobilità e i cittadini a convivere con i veicoli aziendali, senza essere gli uni contro gli altri. Alcuni giorni dopo l’incidente c’è stato un incontro tra i tecnici comunali e le parti imprenditoriali per analizzare il problema e trovare una soluzione con cui l’economia che trasporta e fornisce merci e i cittadini possano convivere senza dover chiudere accessi o blindare la città con divieti ingestibili”.

Pubblicità - La Voce di Bolzano



Attiva/Disattiva audio qui sotto

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Ad oggi, a distanza di quasi due mesi dall’accaduto – aggiunge Corrarati – non sono state adottate soluzioni tra quelle prospettate dalle forze economiche e quelle ipotizzate dal Comune. Non vorremo che il progetto e il referendum sul tram abbiano distratto eccessivamente l’amministrazione, che deve governare il tema della mobilità ascoltando e traducendo in azioni concrete anche le proposte dell’economia. Noi vogliamo tutelare sia i cittadini sia le attività delle nostre aziende. Il Comune si faccia carico di agire con azioni quali la regolamentazione semaforica della città, una segnaletica integrativa e la modifica di alcuni tratti di incrocio dove mezzi e utenti vengono a contatto in modo pericoloso, arretrando di 5-10 metri l’attraversamento pedonale rispetto all’incrocio, affinché gli autisti, in particolare nella svolta a destra, non abbiano l’angolo cieco”.

Grandi opere, infrastrutture, ponti e gallerie si realizzeranno in tempi medio lunghi, non meno di 5-10 anni.

Nel frattempo CNA ribadisce che è necessario: investire in sistemi semaforici intelligenti e governati da un comando centralizzato che apra e chiuda varchi in funzione del traffico; aprire transiti a veicoli commerciali in situazione di traffico bloccato, ad esempio ponte Resia e via Claudia Augusta, come fatto in via sperimentale per viale; potenziare la segnaletica per governare meglio le interferenze; potenziare i segnali di pericolo agi incroci tra ciclabili e strade ad alta percorribilità per avvisare meglio i ciclisti; aumentare le azioni di sensibilizzazione per la convivenza tra traffico pesante e cittadini, in particolare bambini e anziani, pedoni o ciclisti che siano, sia a ridosso delle scuole sia nei luoghi di ritrovo.

Pubblicità - La Voce di BolzanoPubblicità - La Voce di Bolzano

In questo modo – conclude Corrarati – possiamo provare a governare le situazioni problematiche, in attesa della realizzazione di infrastrutture che la città attende da più di 20 anni, come la galleria di Monte Tondo e il completamento della variante alla SS12 che oggi, se fossero già state costruite, avrebbero ridotto e non di poco rischi e i disagi”.

NEWSLETTER

Oltradige e Bassa Atesina2 settimane fa

Crea caos sull’autobus e poi al Pronto Soccorso, dove sferra una testata al vigilantes. Arrestato dai Carabinieri

Sport2 settimane fa

Podio alla prima stagionale per Manuela Gostner nel Ferrari Challenge Europe

Eventi2 settimane fa

Promosso a pieni voti l’inverno: Movimënt si prepara a un’estate di novità

Eventi2 settimane fa

Decimo anniversario della campagna di sensibilizzazione MutterNacht 2024. Sabato 11 maggio la giornata d’azione

Alto Adige4 settimane fa

Pronti a “pescare” le offerte dei fedeli con metro a nastro e scotch biadesivo in Chiesa: segnalati alle autorità

Trentino2 settimane fa

La sfida lanciata dal modello cooperativo all’industria discografica. Se ne parla al Festival dell’Economia di Trento

Alto Adige4 settimane fa

Proseguono a raffica arresti, denunce e tre decreti di espulsione anche in un 25 aprile “tranquillo”

Oltradige e Bassa Atesina3 settimane fa

Crede di trovarsi di fronte ad un’occasione imperdibile, ma è tutta una truffa

Alto Adige2 settimane fa

Giustizia riparativa: Kofler: «uno strumento efficace per la nostra comunità»

Società4 settimane fa

Quindici giovani talenti della ricerca scientifica: workshop interdisciplinare Laimburg-Berlino

Alto Adige4 settimane fa

Espulsi madre e figlio per violenze sessuali, riti magici, obbligo del velo e lesioni sulla giovane moglie e nuora

Consigliati3 settimane fa

Scommesse sportive con deposito minimo basso

Bolzano2 settimane fa

Aggressione a un medico al pronto soccorso: nigeriano con precedenti penali denunciato

Bolzano3 settimane fa

Aggressione in discoteca: giovane percosso e contuso. Scattano gli accertamenti di pubblica sicurezza

Laives2 settimane fa

Impianto sportivo Galizia a Laives, con la Provincia aperto il discorso per la riqualificazione totale

Archivi

Categorie

più letti