Connect with us

Food & Wine

Perché il cacao in polvere non si scioglie bene nel latte?

Pubblicato

-

Il puro cacao in polvere, senza aggiunta di emulsionanti, in genere non si mescola bene con il latte freddo: in parte forma grumi che galleggiano, in parte resta sotto forma di polvere sulla superficie del latte. Perché succede questo?

Il cacao in polvere è idrofobo, quindi idrorepellente –  spiega Silke Raffeiner, nutrizionista presso il Centro Tutela Consumatori Utenti dell’Alto Adige – . Ecco perché si scioglie difficilmente nei liquidi acquosi, come per esempio il latte. Con un piccolo trucco, tuttavia, è possibile preparare un cacao senza grumi”.

Anzitutto si mescola il cacao in polvere con pochissimo latte in una tazza. Durante questo processo si forma poco a poco una massa liscia e compatta, poiché le forze agenti fanno sì che le particelle di cacao si distribuiscano uniformemente nel latte.

Pubblicità
Pubblicità

Unito a latte caldo o molto caldo, questo agglomerato si scioglie molto facilmente. In base al proprio gusto, il cacao può essere infine zuccherato.

Questo trucchetto funziona anche con altri alimenti in polvere, come la farina o la fecola. Se dapprima si mescolano questi alimenti con una piccola quantità di liquido freddo, successivamente essi si sciolgono bene in zuppe o sughi.

Le miscele istantanee per bevande di cacao, del resto, contengono spesso solo una piccola percentuale di cacao – in genere appena il 20-30% –, ma per contro molto più zucchero.

Solitamente, alle miscele pronte vengono aggiunti emulsionanti (come per es. lecitina di soia) affinché la polvere si sciolga bene sia nel latte freddo sia in quello caldo.

Pubblicità
Pubblicità

Food & Wine

Latte fieno, come garantire l’autenticità del prodotto?

Pubblicato

-

Il Centro di Sperimentazione Laimburg, in collaborazione con la Libera Università di Bolzano e la Federazione Latterie Alto Adige, ha lanciato il nuovo progetto di ricerca HEUMILCH. Obiettivo dei ricercatori sarà sviluppare una metodologia di certificazione per confermare il tipo di mangime delle mucche a garanzia dell’autenticità e della genuinità del prodotto latte fieno.

Il settore lattiero-caseario, motore economico dell’agricoltura montana dell’Alto Adige, garantisce un reddito regolare a quasi 5.000 famiglie. Il mantenimento e il recupero di tecniche tradizionali sono strategici per la valorizzazione del territorio. Il latte fieno risponde alla crescente richiesta da parte dei consumatori di prodotti tradizionali e genuini e il prodotto continua a incontrare un grande successo sul mercato.

Nel 2016 l’Unione europea ha dichiarato il latte fieno “Specialità tradizionale garantita” (Stg). Nell’innovativa filiera del latte fieno è vietato l’uso di mangimi fermentati, ovvero gli insilati di erba e mais, o mangimi OGM nella dieta delle bovine. Il latte fieno viene prodotto da mucche che si alimentano esclusivamente di erba fresca o fieno e con un uso limitato di mangimi concentrati (non oltre il 25%).

Pubblicità
Pubblicità

Al momento non vi sono metodi analitici in grado di rilevare nel latte l’uso di insilati, vietati per la produzione del latte fieno.

Il progetto HEUMILCH, promosso dal Centro di Sperimentazione Laimburg in collaborazione con la Libera Università di Bolzano e la Federazione Latterie Alto Adige, mira a sviluppare un metodo standardizzato e affidabile per la distinzione tra latte standard e latte fieno, a garanzia dell’autenticità e della genuinità del prodotto. Esso mira a migliorare e perfezionare gli attuali meccanismi di controllo sul prodotto e si basa su un recente metodo analitico ufficiale messo a punto per la differenziazione del Parmigiano Reggiano dal Grana Padano.

Presso il Centro di Sperimentazione Laimburg lavoreranno al progetto il settore Agricoltura Montana, guidato da Giovanni Peratoner, che si occuperà insieme alla Federazione Latterie Alto Adige e al Centro di Consulenza per l’Agricoltura Montana BRING della gestione dei campionamenti di latte e foraggi presso le aziende.

Al Laboratorio di Trasformazione dei Prodotti Ortofrutticoli del Centro Laimburg, guidato da Elena Venir, verranno effettuate prove di fermentazione in laboratorio. I foraggi verranno analizzati dal Laboratorio per Nutrizione Piante ed Analisi Foraggi del Centro, guidato da Aldo Matteazzi per la valutazione delle caratteristiche compositive e nutrizionali.

Parallelamente, il Laboratorio per Aromi e Metaboliti del Centro Laimburg, guidato da Peter Robatscher, effettuerà analisi chimiche di screening dei composti sia sugli insilati che direttamente sul latte, in collaborazione con il Laboratorio di Tecnologie alimentari della Libera Università di Bolzano, guidato da Matteo Scampicchio.

Per raggiungere gli obiettivi e affrontare le sfide che il progetto HEUMILCH si propone, si vogliono consolidare le relazioni con i produttori di latte e le latterie locali. In particolare, il progetto promuove la collaborazione tra la ricerca scientifica e i produttori locali, i quali hanno partecipato fin dalle prime fasi alla stesura e alla realizzazione della proposta e che saranno i beneficiari dei risultati del progetto. Ai partner scientifici, infatti, si affianca la Federazione Latterie Alto Adige, in rappresentanza delle principali 9 cooperative di caseifici e latterie altoatesine.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Food & Wine

Aperto in viale Trieste il ristorante Sakura, “fiore di ciliegio”

Pubblicato

-

Il nome è di quelli che richiamano la stagione primaverile in arrivo. Sakura, in lingua giapponese, significa infatti fiore di ciliegio.

Il nuovo raffinato locale che offre specialità della cucina asiatica, da circa due settimane ha preso il posto di quello che era conosciuto come il ristorante Bocciodromo al numero 17 di viale Trieste.

Sakura, fior di ciliegio, non è delicato solo nel nome.

Pubblicità
Pubblicità

Nel menù, rivisitato per una clientela che cerca particolarità e gusto, una selezione di piatti che spaziano dall’immancabile sushi giapponese, (ben 50 varietà) curato con l’attenzione particolare alla qualità che evita la formula dell’all you can eat, fino alla cucina cinese e thailandese, con una scelta davvero vasta.

Sono infatti ben 110 le portate della cucina calda orientale da gustare sia all’interno del locale, che conta 70 coperti, sia all’esterno nei ben 100 metri quadrati di terrazza che si affaccia sul campo sportivo e la grande struttura della piscina comunale.

Già molto ben frequentato da una clientela sia italiana che tedesca, Sakura si caratterizza come un “modern chinese restaurant” dove oltre al resto della selezione vengono preparate pietanze asiatiche pensate esclusivamente per la cultura vegana e vegetariana.

Sebbene le persone restino affezionate ai classici della gastronomia e della cucina orientale (tra i più gettonati sembrano esserci l’anatra e i ravioli di verdure, carne o gamberi ndr), puntiamo all’introduzione di nuove specialità con un prezzo accessibile per le famiglie e in genere per tutti i nostri clienti”, dice Liu, 44 anni e un’esperienza ventennale nel settore derivata dalla gestione di diversi ristoranti  in molte località dell’Alto Adige tra cui Merano, Bressanone e Lana.

Un ristorante che vuole mantenere la tradizione della multi offerta in controtendenza a quanto sta avvenendo nel quartiere, dove una lenta trasformazione sta portando al prevalere di ristoranti esclusivamente giapponesi.

Sakura incuriosisce e con l’arrivo della bella stagione varrà sicuramente la pena gustare qualche buona specialità, soprattutto all’aperto.

Cose buone e sane nelle giuste quantità, è il nostro motto – continua Liu – . Crediamo che l’assenza del servizio all you can eat possa essere interpretato come sinonimo di qualità e nel contempo rimaniamo convinti sostenitori dell’importanza della diversificazione”.

Ma non solo. “Mi sono subito innamorata di questo posto dall’atmosfera così particolare, che ho deciso di arredare in  stile minimale e di valorizzare anche nel servizio, eliminando completamente il prezzo del coperto”, conclude.

Il ristorante, aperto tutti i giorni dalle 12 alle 14.30 e dalle 18 alle 23, dispone di un ampio spazio per il parcheggio (gratuito la sera).

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Food & Wine

Cucina: tornare alla cultura del “Nose to tail” per ridurre lo spreco di carne

Pubblicato

-

Nose to tail” significa letteralmente “Dal naso alla coda”, o per meglio dire “Dalla testa alla coda”.

Con questa espressione ci si riferisce all’intero utilizzo dell’animale, vale a dire all’impiego possibilmente di tutte le parti commestibili di un animale macellato.

Purtroppo oggi ciò accade ormai solo di rado, poiché a finire sulla nostra tavola sono quasi esclusivamente parti pregiate di manzo, maiale e pollo, come filetto, cotoletta, carne per arrosto e petto dell’animale.

Pubblicità
Pubblicità

Un ulteriore risvolto problematico di questa tendenza sta nel fatto che le parti di carne “di qualità inferiore”, ossia quelle generalmente non richieste in Europa, vengono in parte esportate in paesi africani, dove danneggiano il mercato della carne prodotta in loco.

Solo fino a pochi decenni fa, invece, non erano solo i tagli pregiati di carne a essere destinati all’alimentazione dell’uomo, ma anche tutte le altri parti commestibili dell’animale, comprese le interiora. In altri paesi e continenti, le zampe di gallina alla griglia e le orecchie di maiale fritte continuano a essere piatti molto amati.

Sfruttare tutte le parti di un animale è espressione di un’elevata considerazione di una risorsa preziosa come la carne e contribuisce a ridurre lo spreco dei generi alimentari sottolinea Silke Raffeiner, nutrizionista presso il Centro Tutela Consumatori Utenti dell’Alto Adige – . Il concetto ‘Nose to tail’ è stato per così dire riscoperto grazie al cuoco inglese Fergus Henderson e al suo libro di cucina “Nose to Tail Eating”.

Sono peraltro sempre più numerosi i cuochi, come pure i macellai, che sostengono l’utilizzo completo dell’animale, anche in Alto Adige.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza