Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Alto Adige

Presentato il secondo studio sulle famiglie altoatesine elaborato dall’ASTAT in collaborazione con l’Agenzia per la Famiglia

Pubblicato

-

Condividi questo articolo




Pubblicità

Dopo il primo studio sulla famiglia del 2016, l’Istituto Provinciale di  Statistica (ASTAT) ha nuovamente intervistato le famiglie altoatesine tra ottobre e dicembre 2021. I risultati sono riassunti nella nuova “Indagine sulla famiglia in Alto Adige – 2021”.

“La famiglia ha bisogno di buone condizioni quadro per svilupparsi. Per progettare una politica efficace a favore della famiglia è indispensabile sapere quali sono le sue reali esigenze” afferma l’assessora provinciale alle politiche sociali, Waltraud Deeg.

Allo studio hanno preso parte 1.885 altoatesini tra i 18 ei 64 anni. “Si trattava di mostrare gli indicatori della popolazione, ma anche di raccogliere le opinioni”, ha spiegato Timon Gärtner, direttore dell’ASTAT. Il campione selezionato è significativo della popolazione in relazione alle più importanti variabili socio-demografiche. Nicoletta Colletti, collaboratrice dell’ASTAT, ha presentato alcuni aspetti dello studio sulla famiglia 2021.

Questo è stato preparato dall’ASTAT in collaborazione con l’Agenzia per la famiglia. La direttrice dell’Agenzia, Carmen Plaseller, ha spiegato che “durante la definizione delle domande è stata dedicata una particolare attenzione al confronto con lo studio del 2016. Incorporando nuovi argomenti, come la cura e l’utilizzo dei media digitali, si è potuta anche rilevare l’esigenza di sostegno in questi ambiti”.

Famiglie in Alto Adige: più nuclei familiari con meno componenti

Il secondo studio sulle famiglie dell’Alto Adige offre in 40 pagine un quadro completo della famiglia a livello provinciale. Inoltre, i dati dettagliati possono essere trovati online con una raccolta di tabelle. Ai partecipanti allo studio è stata chiesta, tra l’altro, la loro opinione sulla famiglia, il matrimonio e le relazioni di coppia, lo stato d’animo a casa, l’assistenza all’infanzia e l’educazione dei figli, il desiderio di avere figli, la cura e l’assistenza alle persone bisognose, il lavoro e la famiglia ed il sostegno alla famiglia.

L’indagine inizia con i dati demografici e da questi emerge che il numero dei nuclei familiari in Alto Adige aumenta ogni anno (2020: 229.000), ma è costituito da un numero sempre minore di persone (2020: 2,3 componenti per nucleo familiare). Di conseguenza, è diminuita anche la quota di nuclei familiari con coppie sposate (dal 46 al 25 per cento), mentre la quota di coloro che vivono da soli è passata dal 26 al 37 per cento.

Crescono le sfide per la famiglia

Rispetto allo studio del 2016, tra gli intervistati nell’autunno 2021 è aumentata l’accettazione di diverse forme familiari, tra cui famiglie senza figli e coppie dello stesso sesso, nonché il matrimonio, che è ancora la forma attuale di convivenza.

È cresciuta anche la convinzione che i padri debbano prendere più congedi di paternità e che ora sia più facile conciliare famiglia e carriera. Tuttavia, alla domanda sulle proprie esperienze, più intervistati rispetto a cinque anni fa hanno affermato che la compatibilità è possibile solo con molta energia e capacità organizzative (2016: 42%, 2021: 47%). D’altra parte, la percentuale di famiglie in cui anche i padri usufruiscono del congedo parentale è rimasta relativamente stabile.

Molte famiglie altoatesine ricevono sostegno dai propri genitori nell’accudimento dei figli. Per il 64% degli intervistati, i nonni sono i più importanti aiutanti nel campo della conciliazione tra famiglia e lavoro. Seguono le strutture per l’infanzia (asili nido, assistenti all’infanzia, doposcuola), gli zii e le zie, nonché i bambini più grandi e le baby sitter. Oltre alla cura dei propri figli, continuano ad aumentare le cure e l’assistenza ai familiari che hanno bisogno di aiuto. Il 20% dei partecipanti allo studio ha dichiarato di essersi preso cura di una persona bisognosa di cure almeno una volta alla settimana; tra i 50 ei 64 anni questa percentuale è salita addirittura al 30%.

Grande apprezzamento per le misure di sostegno alla famiglia

Alla domanda di quali misure le famiglie hanno maggiormente bisogno, vengono citati soprattutto i servizi di sostegno economico. Le misure della pubblica amministrazione (assegno familiare, assegno di cura, borse di studio) sono classificate come particolarmente efficaci. Le misure contrattuali con il datore di lavoro, l’ampliamento dei servizi e le misure strutturali (come l’istituzione di strutture per l’infanzia e l’istruzione) seguono nell’ordine delle misure di politica familiare percepite come efficienti. Lo studio mostra che in particolare i genitori di bambini di età compresa tra 0 e 13 anni conoscono i vari servizi e le misure di sostegno familiare e ne sono per lo più molto o abbastanza soddisfatti.

La relazione sullo studio familiare e un’ampia raccolta di grafici sono disponibili online sul sito dell’Istituto provinciale di Statistica ASTAT.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Trentino7 ore fa

Orsi: approvato il DDL, potranno essere abbattuti fino a otto esemplari l’anno.

Alto Adige10 ore fa

Giovane sciatore 16enne perde la vita in una valanga a Plan in val Passiria

Trentino15 ore fa

Scontri alla protesta Stop Casteller: tensioni in Consiglio provinciale

Bolzano16 ore fa

Due arresti per rapina e aggressione: stranieri in possesso di droga saranno espulsi

Bolzano16 ore fa

Bolzano: sette espulsioni di stranieri e altre operazioni di contrasto alla criminalità

Politica18 ore fa

Arno Kompatscher pronto a guidare la Südtiroler Volkspartei in un momento critico

Alto Adige21 ore fa

Nuova perizia del sonno richiesta per il pizzaiolo accusato di omicidio

Bolzano21 ore fa

Furti seriali nei garage di via Alessandria, svaligiate le cantine delle palazzine Ipes

Val Pusteria21 ore fa

Ambientalisti si oppongono al progetto della nuova rotatoria a Valdaora-Anterselva

Trentino22 ore fa

Dibattito acceso a Trento sul destino degli orsi: la proposta di legge che fa discutere

Consigliati1 giorno fa

Cosa mettere nel beautycase di Primavera? Tutti i consigli per una pelle idratata e glow, pronta per l’arrivo della nuova stagione!

Sport1 giorno fa

Il Bolzano conquista la prima vittoria nei quarti di finale superando il VSV per 5 a 2

Alto Adige1 giorno fa

Polizia di Stato e Corpo Forestale insieme per la sicurezza sulle piste di sci

Trentino2 giorni fa

Nuovi gravissimi insulti agli abitanti del Trentino dall’estremismo animalista

Italia ed estero2 giorni fa

Chico Forti in Italia: attesa potrebbe durare ancora settimane o più di due mesi

Bolzano3 settimane fa

Fisioterapista aggredita a Bolzano con una coltellata alla gola

Italia ed estero3 settimane fa

Orrore per una tragedia familiare: uomo uccide moglie e due figli

Alto Adige4 settimane fa

Corte d’appello di Venezia ammette definitivamente class action contro Banca Popolare dell’Alto Adige (Volksbank): le scadenze

Società3 settimane fa

Edilizia abitativa agevolata: approvato il nuovo programma di interventi

Politica4 settimane fa

Arno Kompatscher esclude il doppio ruolo di presidente e segretario della Svp

Merano4 settimane fa

Straniero dà in escandescenza: guardia giurata aggredita a bottigliate finisce in ospedale

Politica4 settimane fa

Philipp Achammer lascia la guida della Svp dopo dieci anni

Alto Adige2 settimane fa

Albert Stocker, 73 anni, è morto: sospetto attacco di un cane o di un lupo

Società4 settimane fa

Protezione Civile: allerta per i rischi dei laghi ghiacciati e il caldo anomalo

meteo4 settimane fa

In arrivo un lungo weekend di pioggia, ecco dove arriverà la neve

Politica4 settimane fa

Fondi per l’agricoltura salgono a 8 miliardi con l’annuncio di Giorgia Meloni

Laives3 settimane fa

Incidente stradale a San Giacomo: ciclista 60enne ferito gravemente

Merano4 settimane fa

La tragedia al San Rossore: il fantino Dominik Pastuszka perde la vita dopo una caduta

Trentino4 settimane fa

ISPRA: via libera all’uccisione dell’orso confidente, ecco il motivo

Alto Adige4 settimane fa

L’interminabile attesa nei corridoi della sanità altoatesina

Archivi

Categorie

più letti