Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Economia e Finanza

Sblocca-cantieri, Cna: “Impedisce di riciclare vari tipi di rifiuti”

Pubblicato

-

Condividi questo articolo




Pubblicità

L’intento voleva essere positivo ma, nei fatti, una norma poco chiara contenuta nel decreto sblocca cantieri rischia di tenere bloccata l’economia circolare.

C’è un lungo elenco di rifiuti che potrebbero essere esclusi dal processo di riciclo, rimanendo fuori dalla disciplina del cosiddetto end of waste che definisce i criteri in base ai quali un rifiuto può diventare nuovamente risorsa. Un intervento delle Province di Trento e Bolzano sul governo è necessario per fare chiarezza”.

Lo afferma Gianni Sarti, responsabile delle tematiche ambientali di CNA Trentino Alto Adige.

Pubblicità - La Voce di Bolzano



Attiva/Disattiva audio qui sotto

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche, inerti, pneumatici, rifiuti da spazzamento strade, vetroresina e oli esausti. Sono solo alcune tipologie di rifiuto che rischiano di essere escluse dalla norma sull’end of waste e quindi dalle opportunità di riciclo con gravi problemi nel ciclo di gestione e inevitabili aumenti dei costi per lo smaltimento dei rifiuti, il tutto a discapito dell’ambiente.

L’Italia, in particolare la nostra regione, può mostrare risultati positivi rispetto agli obiettivi di riciclo – prosegue Sarti – uno dei cardini dell’economia circolare. Ma da oltre un anno il sistema delle imprese, chi smaltisce i rifiuti e chi li produce, è alle prese con una situazione ai limiti del caos per effetto dalla sentenza del Consiglio di Stato 1229/2018 che è intervenuta su uno dei tanti terreni in cui si intrecciano norme europee e nazionali e si sovrappongono competenze statali, regionali e delle Province autonome”.

Il codice ambientale, che ha recepito le disposizioni comunitarie sulla cessazione della qualifica di rifiuto, prevede di stabilire i criteri di end of waste per specifiche tipologie di rifiuto attraverso riferimenti europei e, in mancanza di questi, con uno o più decreti del Ministro dell’ambiente.

Pubblicità - La Voce di BolzanoPubblicità - La Voce di Bolzano

Un percorso che, però, è risultato estremamente lungo, considerando le poche fattispecie disciplinate sia con regolamento comunitario (rottami di metalli, rame e vetro) che con decreti nazionali (al momento della sentenza si aveva solo quello sul combustibile solido secondario-Css; nel frattempo sono andati avanti i decreti sul fresato d’asfalto e sui pannolini).

Nel frattempo, gli impianti hanno potuto operare grazie al ruolo delle Regioni e delle Province autonome che hanno rilasciato le autorizzazioni “caso per caso” laddove non erano stati individuati specifici criteri a livello comunitario e nazionale.

Con la sentenza del Consiglio di Stato c’era stato lo stop per molti impianti con l’autorizzazione in scadenza, se non rientravano in quelle pochissime tipologie definite dall’UE e dal ministro dell’Ambiente.

 “Il Consiglio di Stato – chiarisce Sarti – ha stabilito in sostanza che le autorizzazioni non possono essere rilasciate dalle Regioni in assenza di criteri stabiliti a livello centrale; una sentenza che non ha alcun appiglio normativo e che, al contrario, viene smentita dalla nuova Direttiva Europea sui rifiuti che l’Italia dovrà recepire entro il 2020”.

Le associazioni rappresentative delle imprese hanno chiesto in coro un intervento legislativo per superare l’emergenza. Con la conversione del dl sblocca cantieri è stata approvata una norma correttiva.

Lodevole l’intenzione – commenta il vicesegretario CNA Trentino Alto Adige, Gianni Sartima l’effetto concreto rischia di essere poco più che trascurabile.

La via più semplice ed efficace sarebbe stata quella indicata da CNA: introdurre una norma transitoria in base alla quale le Regioni e le Province autonome possono continuare ad autorizzare caso per caso in attesa della puntuale definizione da parte dello Stato. 

La modifica introdotta con lo sblocca cantieri, che è diventato legge, invece prevede la possibilità transitoria ma limitatamente a quanto disciplinato da un decreto di 20 anni fa.

Solo le tipologie di rifiuto e le tecnologie previste in un decreto del 1998 potranno essere autorizzate dalle Regioni. Un salto nel passato e un’occasione sprecata”.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Sport9 ore fa

I biancorossi superano la Spal. La Primavera 2 di mister Iori si impone in casa per 2-1 sugli estensi

Sport10 ore fa

Con il Cittadella finisce senza reti. Un punto a testa

Val Pusteria12 ore fa

Brunico: arrestati tre uomini dopo un tentativo di rapina in casa

Bressanone17 ore fa

Bressanone Turismo mette al centro dell’attenzione la popolazione locale

Bolzano17 ore fa

Il Questore Sartori e l’Assessore provinciale Messner in visita all’Ospedale di Bolzano. Molte tematiche attuali in discuss­ione

Val Venosta18 ore fa

Val Venosta: Enrico Zuliani è il nuovo Rappresentante comprensoriale. L’assemblea Generale nella sede di Interfama a Prato allo Stelvio

Bolzano18 ore fa

La segnalazione di un cittadino porta i Carabinieri a scoprire due ricettatori

Alto Adige19 ore fa

Transizione ecologica, sostenibilità e incentivi a misura di piccola e media impresa. L’incontro tra CNA Alto Adige Südtirol e il presidente Kompatscher

Alto Adige19 ore fa

Anche la caserma di Selva Val Gardena al corso di abilitazione per esperti neve valanghe del servizio Meteomont Carabinieri

Bolzano19 ore fa

Centrale di spaccio nelle case Ipes. Arrestato ventiquattrenne bolzanino

Bolzano1 giorno fa

Svincolo di Bolzano nord, arriva la rotatoria. E il ponte sull’Adige a Trento diventa antisismico

Sport2 giorni fa

FC Südtirol, avanti con testa e cuore. Sabato 20 aprile si gioca in casa con il Cittadella

Bolzano2 giorni fa

Rubano capi d’abbigliamento alla “Lidl”. Espulsi da Bolzano due stranieri

Bolzano2 giorni fa

Al via la seconda class action contro Volksbank. Oltre 26.000 azionisti hanno partecipato all’aumento di capitale del 2015-2016 per oltre 95 milioni di euro

Bolzano2 giorni fa

Molestie, furto, aggressione e minacce alla Polizia, espulso e scortato al C.P.R. di Roma un pluripregiudicato straniero

Alto Adige4 settimane fa

Carabinieri di Bolzano lanciano una campagna di sensibilizzazione contro le truffe agli anziani

Alto Adige3 settimane fa

Hotel altoatesini bersaglio di truffe seriali, denunciato un 46enne napoletano

Bolzano4 settimane fa

Rissa al Druso: quattro daspo emessi dal questore

Bolzano4 settimane fa

Scoperto mezzo chilo di hashish nascosto in una siepe a Bolzano

Alto Adige3 settimane fa

Automobilista ferito gravemente dopo un impatto con un camion in valle Aurina

Salute4 settimane fa

Servizio Sanitario Nazionale, per l’89% degli italiani è sacro

Politica4 settimane fa

Tensione in giunta sulla commissione pari opportunità: critiche da Galateo di Fratelli d’Italia

Val Pusteria3 settimane fa

Operazione di controllo a Brunico e Bressanone: irregolarità in bar e sanzioni del Questore

Oltradige e Bassa Atesina3 settimane fa

Girava tra le case con arnesi da scasso a Montagna: denunciato

Alto Adige3 settimane fa

Incidente sulla MeBo: camper in fiamme sulla corsia sud

Politica4 settimane fa

Presidente Kompatscher assegna le deleghe della giunta regionale

Politica4 settimane fa

La commissione di convalida del consiglio provinciale posticipa la decisione sulla posizione di Renate Holzeisen

Alto Adige3 settimane fa

Polizia intensifica i controlli su alcol e droga tra i conducenti in Alto Adige

Trentino4 settimane fa

Lascia cinque milioni in eredità alla badante. I nipoti, esclusi, presentano querela

Merano3 settimane fa

Controlli speciali a Merano: il questore notifica altri decreti di espulsione

Archivi

Categorie

più letti