Connect with us

Italia ed estero

Coronavirus si espande in Trentino: nuovi casi a Cles, Rovereto e Trento. Fugatti: “Non è epidemia”

Pubblicato

-

Sono tre i nuovi casi di CoronaVirus in Trentino e con questi, il numero accertato in provincia di Trento sale a una decina di soggetti contagiati.

Il primo riguarda un 83 enne di Trento già in quarantena in quanto si tratta di un caso legato alle 42 persone di ritorno da un pellegrinaggio ad Assisi (caso differente dalla 83enne rilevata come primo caso trentino di contagio da virus cinese).

Nel secondo caso si tratta invece di  un 50 enne di Cles che si è presentato all’ospedale locale dove dopo il tampone è stata riscontrata la sua positività al virus. Il soggetto è stato in contatto con persone esterne quindi in questo caso la sia positività è circoscritta. In quarantena è stata messa anche la moglie.

Pubblicità
Pubblicità

Terzo caso a Rovereto, dove un uomo si è presentato al pronto soccorso con sintomi influenzali. Dopo il tampone è stata scoperta la positività al coronavirus.

L’uomo aveva avuto contatti per il suo lavoro alcuni giorni fa con persone arrivate dalla Lombardia, pare da Milano.

Il governatore Fugatti ha spiegato che la situazione è sotto controllo perché tutti i casi hanno un’origine e tutti sono stati circoscritti.

«Per il momento in Trentino non esiste un’epidemia. Ma viste le notizie provenienti dalla altre regioni dobbiamo tenere ben alta la guardia. Dobbiamo tenere sotto controllo le persone  anziane sopra ai 75 anni. È importante limitare il più possibile gli spostamenti e tenere la distanza dagli altri».

Per il momento sono un centinaio le persone in isolamento che sono controllate periodicamente dal personale sanitario.

Un numero maggiore di casi rispetto all’Alto Adige, dove i casi confermati di autoctoni infettati dal virus si fermerebbe a due, ma rriverebbe oltre la decina se si contano i casi di contagio di turisti per lo più germanici avvenuti presumibilmente dopo una vacanza in provincia di Bolzano (Coronavirus, positivo anche il secondo sospetto. Si tratta di un nuovo caso in Alto Adige).

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza