Connect with us

Politica

FOIBE, oggi CasaPound ricorda i martiri con un corteo a Bolzano

Pubblicato

-

Con manifestazioni e cortei in regione che si svolgeranno tra il 9 e il 10 febbraio, anche quest’anno CasaPound ricorda i connazionali trucidati dai partigiani titini alla fine della seconda guerra mondiale.

Essere italiani era l’unica ‘colpa’ delle vittime del genocidio messo in atto da Tito – spiega CasaPound in una nota – una vera e propria pulizia etnica che ha visto decine di migliaia di italiani assassinati, torturati, gettati, anche vivi, nelle foibe, e poi, per 50 anni, ignorati dai libri di storia e dimenticati dalla loro stessa Nazione.

Ma l’identità di un popolo non può essere cancellata con il sangue o annientata con l’esilio. E per ricordarlo CasaPound Italia organizza una serie di iniziative in tutta Italia: nella settimana che va da sabato 4 a sabato 11 febbraio cortei, fiaccolate, conferenze e presidi sono in programma in decine di città italiane, da Bolzano a Siracusa“.

Pubblicità
Pubblicità

Da 10 anni a questa parte – conclude CPI – ci mobilitiamo in tutta Italia perché questa tragedia non venga dimenticata, e perché il “Giorno del Ricordo” non sia solo una data sul calendario, ma possa vedere italiani di tutta la penisola ricordare i loro fratelli trucidati, anche per ribadire che l’identità di un popolo e di una nazione nata in trincea non si cancella col sangue, né con le censure sui libri di storia“.

Domenica 10 febbraio a Bolzano:

Ore 16.00 commemorazione presso la stele dedicata a Norma Cossetto nell”omonimo passaggio di via del Ronco.

Ore 17.00
Corteo con assembramento alla Piazzetta Marcella Casagrande, all’incrocio tra via Palermo e viale Europa alle ore 17:00.

Il corteo attraverserà le vie Dalmazia, Firenze, San Quirino e Fiume, per commemorare i Martiri dinnanzi alla stele dedicata agli esuli giuloano-dalmati.

Pubblicità
Pubblicità

Politica

Vergogna PD: «Auguro un tumore a tutti coloro che non vogliono lo sbarco della Open Arms, se poi colpisce i figli meglio ancora»

Pubblicato

-

Siamo arrivati purtroppo al paradossale, all’immoralità assoluta, alla vergogna senza ritorno.

«Auguro un tumore a tutti coloro che non vogliono lo sbarco della Open Arms, se poi colpisce i figli meglio ancora».

Sono queste le parole scritte da Fabrizio Ciuffardi militante renziano di primo pelo sulla sua pagina facebook.

Pubblicità
Pubblicità

Parole drammatiche e offensive verso chi soffre di tumore e i suoi famigliari. Un vera vergogna mai vista prima.

Questi sono coloro che rischiano di governate l’italia insieme al MoVimento 5 Stelle con un governo truffa.  Questi sono coloro che apriranno porti e confini a tutti, rischiando di far scomparire la nostra civiltà. Una cattiveria mai vista prima.

Ora si è superato qualsiasi limite di decenza e di rispetto della vita umana, ma naturalmente solo di quella degli italiani.

Fra gli amici di questo fenomeno da baraccone ci sono 3 trentini. Paolo Zanella ex presidente dell’arcigay, l’avvocato Fabio Valcanover e il movimento «segry verdi»

Sul suo profilo è uno scatenarsi di insulti di qualsiasi tipo da circa un’ora.

Ma a quanto pare c’è anche qualcuno che lo difende, infatti fra le centinaia di insulti spunta questo commento incredibile:

«Gentile Fabrizio, non curarti di tutti questi fascisti che ti stanno insultando. Il tuo commento era forte, magari adottava toni bruschi ma trasmetteva perfettamente la sensazione di disagio che questo governo violento e neonazista continua a suscitare.

Abbiamo bisogno di persone appassionate come te, non ti abbattere per qualche insulto, noi siamo più forti perché siamo dalla parte giusta: quella di chi accoglie e non perde l’umanità che oggi è più minacciata che mai»

Insomma, si parla di fascisti, ma si augura la morte di centinaia di persone, bambini compresi.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Politica

Aeroporto, l’appello del Team Koellensperger a sostenere il ricorso al TAR

Pubblicato

-

Come annunciato, il Team Köllensperger ha preparato un ricorso al TAR in merito alla vicenda aeroporto e ci sono già i primi appuntamenti a Bolzano e Laives  per firmare la procura a sostegno dell’iniziativa.

Nelle scorse settimane abbiamo posto numerosi interrogativi alla Giunta provinciale in merito alla cessione delle quote in Abd, al rispetto dell’esito del referendum e al bando di gara – si legge in una nota – . Alle critiche che avevamo mosso il governatore o non risponde oppure si limita a considerazioni espressione di pura arroganza di potere. Evidenziando la concezione di democrazia di un’ampia fetta della maggioranza”.

Precisa Koellensperger: “Abbiamo preparato un’accurata documentazione per partire con un ricorso al TAR. L’avevamo annunciato e andremo avanti, naturalmente. Entrando nel dettaglio del ricorso, da un punto di vista legale comprenderà anche un’istanza di sospensione cautelare degli atti amministrativi emessi dalla Provincia autonoma di Bolzano in relazione alla vendita della totalità delle quote nella società Abd Airport Spa.

Pubblicità
Pubblicità

Proponiamo ai cittadini interessati che avevano votato al referendum del 21 giugno 2016 un ricorso collettivo a cui possono aderire tramite il rilascio di una procura processuale agli avvocati da noi incaricati e per questo invitiamo chi lo desiderasse a partecipare a questa azione collettiva”.

Per sottoscrivere la procura è necessario portare con sé:

  • la carta d’identità (originale e fotocopia)
  • la tessera elettorale (originale e fotocopia) che attesti di aver votato in occasione del referendum del 12 giugno 2016 (quindi mostrando il relativo timbro)
  • il proprio codice fiscale (originale e fotocopia).

Gli appuntamenti in cui sarà possibile sottoscrivere la procura processuale alla presenza della avvocatessa Renate Holzeisen sono:

  • A BOLZANO, lunedì 19 agosto  (ore 17.30-19) c/o studio legale HROP, viale Stazione 7.
  • A LAIVES, martedì 20 agosto (ore 19.30-21) c/o Ristorante Pizzeria Casagrande, Via J.F. Kennedy 81.

Ulteriori appuntamenti sono previsti a Egna giovedì 22 agosto e Appiano sabato 24 agosto. Appena saranno confermati verranno indicate tutte le informazioni necessarie.

Chi desiderasse a partecipare al ricorso o per qualsiasi domanda in merito può contattare il Team Koellensperger all’indirizzo e-mail info@teamkoellensperger.it .

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Politica

Cittadini romani da 2034 anni, la risposta di CasaPound ai cartelli degli Schützen

Pubblicato

-

Non si è fatta attendere a Bolzano la risposta di CasaPound agli adesivi attaccati nei giorni scorsi in tutta la provincia ad almeno 600 cartelli stradali dagli Schützen, che recavano la frase “DNA seit 97 Jahren – Deutsch nicht amtlich“, ovvero, “Tedeschi nel DNA da 97anni, senza lingua ufficiale”.

Questa notte i militanti di Cpi hanno affisso alcuni striscioni alle mura del capoluogo altoatesino, con la scritta “Pons Drusi 15ac – civis romanus sum“, per ricordare i 2034 anni dalla fondazione di Pons Drusi, ovvero le origini romane della odierna città di Bolzano.

Un’azione, rivendica CasaPound, per evidenziare come l’Alto Adige sia sempre sempre stata preziosa terra di confine e incontro tra popoli europei, che ne fa un tesoro culturale da preservare e valorizzare oltre ogni cieco sciovinismo.

Pubblicità
Pubblicità

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza