Connect with us

Tra cronaca e storia

La Biblioteca Civica Cesare Battisti, breve storia della prima biblioteca pubblica italiana in Alto Adige

Pubblicato

-

Condividi questo articolo

La prima Biblioteca italiana a Bolzano venne istituita ne 1928, e la prima sede si trovava in Via Leonardo Da Vinci.

All’epoca il nucleo principale del patrimonio librario era perlopiù composto da donazioni private, in particolare dalle ex biblioteche private del senatore Luigi Morandi e di padre Ermenegildo Pistelli. Di non scarsa importanza anche le donazioni di altre piccole biblioteche italiane e di enti pubblici e privati.

Il giornale La Provincia di Bolzano all’epoca scrisse: “Come tutti sanno in Via Leonardo Da Vinci ha sede la Biblioteca che, sebbene ancora modesta, può tuttavia soddisfare i gusti dei più incontenibili lettori”.

Il soprintendente bibliografico delle Tre Venezie, l’allora commendatore Luigi Ferrara disse alla cerimonia di inaugurazione: “In questo tempio del sapere, non di simulacri, né altari delle divinità, ma nelle modeste, e pure decorose sale, aleggiano gli spiriti immortali dei grandi pensatori, poeti, degli scienziati, di quanti hanno confortato di luce l’umanità nel suo faticoso cammino, e formano per essa un patrimonio indistruttibile e incommensurabile”.

La biblioteca era aperta la mattina dalle 9 alle 12, pomeriggio dalle 14:30 alle 18:30, ed era fornita di due locali, spaziosi e riscaldati, forniti di tutto l’occorrente per soddisfare i lettori.

La sede tuttavia si rivelò subito molto modesta, e inefficiente nel soddisfare i lettori per quanto riguardava gli spazi e il numero di volumi a disposizione, così, nel 1937 la biblioteca venne spostata nella nuova sede vicino al Ponte Talvera, dove si trova ancora oggi. La nuova sede aveva a disposizione più di 90mila volumi, e per quasi tutta la durata della guerra funzionò egregiamente a pieno ritmo.

Fortunatamente, nonostante i bombardamenti della guerra  danneggiarono l’edificio, il patrimonio librario più vecchio e importante venne quasi tutto trasferito nel Convento di Novacella,  e quindi salvato. La Biblioteca riaprì i battenti il 1 luglio del 1946, e da allora numerose sono state le acquisizioni che ne hanno impreziosito il patrimonio. Ricordiamo quella del 1945 da parte di Giovanni Pedrotti, che raccoglie oltre 5mila pubblicazioni sul Tirolo storico; oppure quella del 1971, quando Lamberto Bravi donò la sua biblioteca privata, che comprendeva oltre 15mila volumi di carattere storico-letterario.

Attualmente la biblioteca è in continua espansione, ma purtroppo l’attuale sede non è più sufficiente a soddisfare i bisogni dei cittadini. Speriamo che il tanto desiderato Polo Bibliotecario diventi presto realtà.

 

NEWSLETTER

Val Pusteria14 ore fa

Il ricordo degli atti eroici degli alpini del sesto durante la battaglia sul monte Ortigara

Bolzano15 ore fa

Casa e lavoro del domani: visione sinergica per progettare il futuro di Bolzano

Alto Adige15 ore fa

La regione ha scelto il mobility manager: verso un futuro di mobilità sostenibile

Alto Adige15 ore fa

CNA e Delai, intesa per avvicinare i ragazzi al mondo del lavoro

Bolzano15 ore fa

Lavori congiunti di rinnovo e potenziamento infrastrutture in via Fago: lotto III tratto 3

Arte e Cultura16 ore fa

Dolomiti verticali: nuova mostra al Museo di Scienze Naturali

Alto Adige17 ore fa

Polizia di stato e consorzio dei comuni, insieme per la cybersicurezza. Sottoscritto oggi il protocollo d’intesa

Bolzano18 ore fa

Polizia arresta trafficante di droga: aveva 5,5 kg di marijuana nascosti nel furgone

Consigliati1 giorno fa

L’importanza delle identità digitali nel web

Alto Adige1 giorno fa

Il 10 giugno 2024 si sono conclusi i lavori dello Stakeholder Forum per il clima. Le associazioni ambientaliste tracciano un bilancio intermedio positivo.

Eventi1 giorno fa

3 Zinnen Ski-Marathon: sciare in paradiso

Politica1 giorno fa

La giunta regionale ha approvato il piano d’azione per il reinserimento sociale dei detenuti

Bolzano2 giorni fa

Furti al Supermercato di Bolzano: quattro denunciati

Bolzano2 giorni fa

Chiuso il Devil’s Pub di via Torino: barista arrestato per spaccio di cocaina

Bolzano Provincia2 giorni fa

Dilagano i furti nei negozi: ragazzine protagoniste

Alto Adige3 settimane fa

È nato l’Osservatorio Economico UIL-SGK per l’Alto Adige: una nuova risorsa per il monitoraggio del mercato del lavoro

Alto Adige4 settimane fa

Due “pendolari” dello spaccio arrestati al Brennero e riportati subito in Austria

Arte e Cultura4 settimane fa

Tirolo: un paese diventato località turistica. Se ne parla in un libro

Alto Adige2 settimane fa

Proseguono i lavori per riaprire il passo Rombo e il passo dello Stelvio da oltre 5 metri di neve

Sport3 settimane fa

Il nuovo casino online ‘Instant Casino’ è l’Official Regional Partner della Juventus

Bolzano3 settimane fa

Ruba in un centro giovanile e aggredisce l’educatore. Arrestata giovane trentina

Hi Tech e Ricerca4 settimane fa

Documenti elettronici: facciamo il punto sulla conservazione sostitutiva obbligatoria

Bolzano3 settimane fa

I giovani imprenditori hanno bisogno di spazi, CNA e Comune uniscono le idee

Offerte lavoro4 settimane fa

Giustizia: concorso per diciannove posti a tempo indeterminato

Val Pusteria3 settimane fa

A San Candido un insolito curioso “caso” a lieto fine, grazie alla Polizia

Bolzano Provincia3 settimane fa

Intensificazione dei controlli di velocità sulla MeBo: c’è chi viaggia a 192 km/h

Italia ed estero4 settimane fa

Chico Forti è rientrato in Italia dopo 24 anni

meteo3 settimane fa

Maltempo, la protezione civile emette l’allerta ordinaria (gialla)

Politica4 settimane fa

L’aula del Consiglio regionale approva una mozione per il riconoscimento Istituzionale della “Bandiera Ladina”

Trentino3 settimane fa

Lavarone: dopo l’incendio si aspetta il nuovo Drago Vaia

Archivi

Categorie

più letti