Connect with us

Bolzano

Le baby gang imperversano nel quartiere Don Bosco, nuovo raid notturno giorni fa

Pubblicato

-

Avevano iniziato con le sassaiole, c’erano stati dei pestaggi, l’altro giorno il parco giochi per bambini devastato dalla furia di una banda evidentemente animata da violenza da noia, la peggiore, la più pericolosa perché non si sa dove si può sfogare (leggi “Vandalismo a parco Firmian: la vigliaccheria che colpisce i bambini“).

La notte tra il 15 e il 16 gennaio poi, l’intero lotto delle case inglesi in via Cagliari/Genova di Bolzano è stato imbrattato con scritte sgrammaticate ma chiarissime: la firma delle baby gang che terrorizzano il quartiere.

Ragazzini senza controllo che sfasciano, minacciano, spaccano, imbrattano per puro piacere di farlo. Denuncio con la massima severità questo ennesimo segnale di allarme di fronte al quale è necessario un intervento urgente da parte di tutte le autorità coinvolte, non solo la pubblica sicurezza, in primo luogo i servizi sociali – afferma il consigliere regionale di Fratellid ‘Italia e l’AANC, Alessandro Urzì – .

Pubblicità
Pubblicità

Il Comune che ha la responsabilità di garantire una vita serena in città, l’Ipes che è proprietaria dell’isolato. I genitori! Dove sono i genitori di questi ragazzi annoiati e pericolosi, di questi vandali che rischiano di diventare pericolosi delinquenti?

Cosa aspettiamo ancora? Le scritte in un inglese balbettante (“Bey gang“), in tedesco, in italiano dimostrano come il gruppo non ha una chiara identificazione. E’ figlio del disagio del quartiere. Chiederò all’Ipes immediati interventi per garantire, ad iniziare dai complessi residenziali di sua proprietà, l’installazione di telecamere e l’adozione di misure di sicurezza per i residenti per bene, la stragrande maggioranza.

Vanno invece allontanati gli elementi problematici, tolleranza zero!“.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza