Connect with us

Alto Adige

Maltempo: stato di protezione civile verso la normalizzazione

Pubblicato

-

Condividi questo articolo

Questa mattina (31 agosto) alla presenza dell’assessore provinciale alla Protezione civile è stata valutata nel centro situazioni dell’Agenzia per la Protezione civile la situazione in seguito al maltempo dei giorni scorsi. Alla riunione hanno partecipato tutti i tecnici dei diversi settori impegnati a gestire l’emergenza, insieme all’assessore e al direttore dell’Agenzia provinciale per la Protezione civile Rudolf Pollinger. Obiettivo: fare un primo bilancio ed un’analisi della situazione attuale.

L’assessore ha evidenziato che si è trattato di un evento eccezionale con un tempo di ritorno di 30 anni e che ha dimostrato che gli investimenti fatti nella protezione dei fiumi e dei bacini montani ha dato i suoi frutti insieme all’ottima organizzazione e gestione dell’evento. Anche il direttore della Protezione civile Rudolf Pollinger ha lodato la collaborazione fra l’Agenzia per la Protezione civile e i corpi volontari intervenuti, che hanno lavorato in perfetta sinergia per gestire le conseguenze dell’eccezionale evento meteo.

Migliora la situazione del traffico

Pubblicità - La Voce di Bolzano



Attiva/Disattiva audio qui sotto

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Dopo la chiusura disposta domenica a scopo precauzionale a fronte della piena dell’Adige, la linea ferroviaria del Brennero è stata riaperta. Resta chiusa invece la circolazione sulla linea ferroviaria della val Pusteria. I treni sono rimpiazzati da corse bus sostitutive. L’autostrada A22 è stata riaperta in entrambe le direzioni di marcia. Il Servizio strade continua i lavori di ripristino della percorribilità delle strade, soprattutto sulla statale del Brennero (SS 12) dove resta chiuso il tratto in corrispondenza di Campodazzo.

Secondo Philipp Sicher, direttore della Ripartizione Servizio strade, la riapertura dovrebbe avvenire nei prossimi giorni. La statale SS 51 fra Dobbiaco e Carbonin in val di Landro e la statale della Valle Aurina (SS 621) a Predoi sono di nuovo percorribili. Sulla statale della Pusteria fra Valdaora e Monguelfo si viaggia a senso unico alternato. Tutti i 500 lavoratori del Servizio strade sono stati in servizio nei giorni scorsi giorno e notte.

Corsi d’acqua: stazioni idrometriche sotto il livello di guardia

Pubblicità - La Voce di BolzanoPubblicità - La Voce di Bolzano

Attualmente tutte le misurazioni dei livelli dei fiumi sono rientrate sotto i livelli di guardia. Gli interventi di progettazione e rinforzo degli argini dell’Adige avvenuti nel corso degli ultimi 20 anni ha dimostrato la sua efficacia in questa circostanza, in particolare ad Egna dove è stato raggiunto il livello di piena più alto mai registrato con 7,1 m. I lavori eseguiti e la costante osservazione degli argini da parte dei Vigili del fuoco volontari ha dimostrato la resilienza del sistema di prevenzione. Gli argini verranno ricontrollati a breve. Nel corso della notte 3 tecnici della centrale di piena hanno monitorato costantemente la situazione con l’ausilio del Vigili del fuoco volontari.

Foreste: nessun danno grave

Per i boschi dell’Alto Adige il maltempo dei giorni scorsi non ha comportato danni gravi. Per smottamenti sono state chiuse diverse strade di accesso ai masi, in particolare a Sarentino, Villandro e Barbiano ma non è stato segnalato alcun intervento di grosso rilievo.

Situazione geologica: punti critici sotto osservazione

Nel corso di domenica 3 geologi provinciali erano in servizio per monitorare i punti critici, in particolare ad Avelengo, a Nalles, al Rio Grissiano e a Campodazzo. Allo stato attuale sono sotto osservazione anche 70 m del muro di argine a Ponte Gardena alla confluenza del Rio Gardena con l’Isarco.

Interventi: la situazione più critica a Chiusa

Per i vigili del fuoco volontari la situazione della piena a Chiusa è stata la più critica. 14 corpi volontari di vigili del fuoco con circa 150 uomini erano in servizio per sgomberare e ripulire cantine allagate e garage. I lavori continueranno ancora per qualche tempo. Nella Bassa Atesina (Egna e Vadena) circa 50 vigili del fuoco sono stati impegnati in loco per tenere sotto controllo i punti di osservazione dei livelli dell’acqua nella centrale di osservazione, nei punti di osservazione sui fiumi e nelle stazioni.

Nelle zone di Merano, Bolzano, Val Pusteria e Alta Valle Isarco la situazione si è tranquillizzata entro la serata di ieri e il servizio antipiena ha potuto essere sospeso. Fra il 29 e il 31 luglio l’Unione provinciale dei corpi dei vigili del fuoco volontari dell’Alto Adige hanno svolto oltre 500 interventi che hanno visto impegnati oltre 3.000 uomini. 150 corpi volontari dei vigili del fuoco, circa la metà di quelli complessivamente presenti in provincia, sono stati allertati e in servizio.

Meteo: miglioramenti in vista

La situazione meteo sta migliorando. Secondo il Servizio meteo provinciale non sono previste ulteriori precipitazioni importanti. La Protezione civile a causa della pandemia da coronavirus rimane comunque in stato di allerta ALFA.

NEWSLETTER

Italia ed estero16 ore fa

Italia divisa in 2 per tragico incidente sull’A1 tra Valdarno e Incisa: due anziani perdono la vita

Eventi16 ore fa

Giornata internazionale dei forti, al Forte di Fortezza

Sport16 ore fa

Freccette: alla Fiera Bolzano si sono laureati i campioni d’Italia a squadre

Oltradige e Bassa Atesina17 ore fa

Minaccia autista S.A.S.A., deferito in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria dai Carabinieri.

Alto Adige17 ore fa

Nuove regole per gli autovelox anche in Alto Adige: arriva la stretta del governo

Alto Adige17 ore fa

Proseguono i lavori per riaprire il passo Rombo e il passo dello Stelvio da oltre 5 metri di neve

Bolzano18 ore fa

Scippata una signora anziana. Passante blocca il ladro e chiama la polizia

Bressanone18 ore fa

A Bressanone è stato arrestato un latitante, ubriaco, per aver aggredito la capotreno

Bolzano18 ore fa

Tre clandestini hanno portato scompiglio sugli autobus della S.A.S.A. Saranno espulsi dall’Italia

Bressanone1 giorno fa

Rinvenute parecchie armi nel Bar “Cafè da Nick” a Bressanone. Il questore lo fa chiudere

Alto Adige2 giorni fa

L’adozione di biotopi in Alto Adige ha premiato con la Bandiera Verde

Alto Adige2 giorni fa

Code sulla MeBo e a Bolzano. Traffico impegnativo nella mattinata

Alto Adige2 giorni fa

Susanne Schenk è la nuova Diversity Manager di Volksbank

Alto Adige2 giorni fa

Alta onorificenza conferita al Presidente Gerhard Brandstätter

Alto Adige2 giorni fa

Sparkasse si conferma “Leader della sostenibilità”

Oltradige e Bassa Atesina3 settimane fa

Crea caos sull’autobus e poi al Pronto Soccorso, dove sferra una testata al vigilantes. Arrestato dai Carabinieri

Sport3 settimane fa

Podio alla prima stagionale per Manuela Gostner nel Ferrari Challenge Europe

Eventi3 settimane fa

Promosso a pieni voti l’inverno: Movimënt si prepara a un’estate di novità

Eventi3 settimane fa

Decimo anniversario della campagna di sensibilizzazione MutterNacht 2024. Sabato 11 maggio la giornata d’azione

Bolzano3 settimane fa

Aggressione a un medico al pronto soccorso: nigeriano con precedenti penali denunciato

Trentino3 settimane fa

La sfida lanciata dal modello cooperativo all’industria discografica. Se ne parla al Festival dell’Economia di Trento

Oltradige e Bassa Atesina4 settimane fa

Crede di trovarsi di fronte ad un’occasione imperdibile, ma è tutta una truffa

Consigliati4 settimane fa

Scommesse sportive con deposito minimo basso

Alto Adige5 giorni fa

È nato l’Osservatorio Economico UIL-SGK per l’Alto Adige: una nuova risorsa per il monitoraggio del mercato del lavoro

Arte e Cultura1 settimana fa

Tirolo: un paese diventato località turistica. Se ne parla in un libro

Alto Adige3 settimane fa

Giustizia riparativa: Kofler: «uno strumento efficace per la nostra comunità»

Alto Adige1 settimana fa

Due “pendolari” dello spaccio arrestati al Brennero e riportati subito in Austria

Trentino3 settimane fa

Incidente mortale a passo Vezzena: motociclista 70enne perde la vita

Bolzano3 settimane fa

Straniero irregolare sorpreso a Bolzano, intervento dei Carabinieri in supporto agli uomini di “Strade Sicure”

Benessere e Salute4 settimane fa

AstraZeneca ritira il vaccino Vaxzevria dall’UE: può causare la sindrome da trombosi con trombocitopenia (TTS) oltre a non essere più richiesto

Archivi

Categorie

più letti