Connect with us

Benessere e Salute

Ragazzi senza limiti, docenti con i lividi: il bullismo nei confronti degli insegnanti

Pubblicato

-

Quando parliamo di bullismo nelle scuole, siamo soliti riferirci a quegli atti di prevaricazione che osserviamo tra ragazzi, a quelle prepotenze solitamente messe in atto ripetute volte da parte di un bambino, il cosiddetto bullo (o gruppo di bambini) nei confronti di un altro bambino, la vittima.

Ultimamente le vittime di tali prepotenze non sono solo i bambini ma gli insegnanti.

Negli ultimi tempi nelle scuole italiane si stanno verificando episodi terribili: casi di violenza, minacce, aggressioni fisiche e verbali e bullismo vero e proprio nei confronti dei docenti.

Pubblicità
Pubblicità

Un esempio è un video che ha fatto il giro del web in cui un ragazzo (probabilmente delle superiori) aggredisce verbalmente un professore e con tono arrogante gli chiede di farsi mettere sei in un compito. Nel video, lo studente oltre ad offendere con insulti indicibili il professore, tenta addirittura di strappargli con forza dalle mani il tablet in cui era stato inserito il suo pessimo voto e intima al professore di inginocchiarsi di fronte al suo cospetto, ripetendo più volte: “Chi è che comanda qua?”        

Già, bella domanda. Chi dovrebbe comandare? Il professore o l’alunno? Chi impartisce l’educazione o chi la riceve?

Più che di bullismo, si potrebbe parlare di vero e proprio mobbing contro una categoria, quella degli insegnanti, ormai da tempo umiliata e delegittimata sia dal punto di vista culturale che economico.

Sulle spalle dei docenti c’è ormai da diverso tempo una pressione verbale e psicologica molto pesante anche da parte dei genitori degli stessi alunni, pronti a difendere a spada tratta i propri figli dalle ingiustizie dell’educazione.

Con l’avvento dei social si vedono sempre più genitori coalizzare le proprie forze all’interno di gruppi in cui avvengono scambi di lamentele sul trattamento scolastico riservato ai figli, pretendendo spesso di sapere come si insegna.

Si sta purtroppo sempre più assistendo al declino di prestigio della figura del docente. Se un tempo l’insegnante era una figura rispettata e a volte anche temuta, gli studenti di oggi si sentono in diritto di avere con i propri docenti un rapporto alla pari, non rispettando la giusta gerarchia di ruoli. 

Difficile ricercare le cause di tale fenomeno.

Possiamo prendercela con le famiglie, con i genitori iperprotettivi di questo tempo e allo stesso tempo sempre troppo assenti fisicamente e affettivamente perché assorbiti dal lavoro e dal dover in un certo senso rispettare le richieste di una società oggi sempre più esigente, una società che ci inganna facendo nascere in noi bisogni in realtà insignificanti ed inutili.

Ci preoccupiamo fin troppo spesso di regalare ai nostri figli il telefonino di ultima generazione piuttosto che ritagliarci del tempo di qualità per stare con loro, tempo che non solo farebbe bene a loro ma farebbe bene anche a noi stessi.

Possiamo prendercela con la società post-moderna in cui viviamo e con i “falsi bisogni” di cui ci inebria. Bisogni fittizi che non fanno altro che separarci, che allontanarci l’uno dall’altro, bisogni che non solo allontanano i genitori dai figli ma ci rendono sempre più competitivi e con la brama di raggiungere qualcosa che in realtà non ci appaga pienamente ma ci dà una soddisfazione soltanto illusoria e momentanea.

A questo proposito Zygmund Bauman parla della nostra società come di una società liquida, in cui viene meno il concetto di comunità a favore di un individualismo sfrenato, dove non esistono i compagni di vita ma tutti siamo nemici da cui guardarci. In questo individualismo mancano punti di riferimento, tutto è liquido, e le uniche soluzioni a cui aggrapparsi quando ci si ritrova privi di punti di riferimento sono l’apparire a tutti i costi e il consumismo.

Si diffonde dentro di noi sempre più il pensiero che se appariamo e abbiamo quell’oggetto all’ultima moda possiamo sentirci accettati dagli altri, dalla comunità, se anche mio figlio ha l’ultimo video gioco allora non sarà escluso dal suo gruppo di amichetti.

Purtroppo siamo incatenati. Assistiamo sempre più alla perdita di quelli che sono i veri valori che ci rendono una comunità sana in favore dell’oggetto vuoto che ci separa come individui.

Preferiamo la presenza dell’oggetto alla nostra presenza. Siamo sempre più assenti a noi stessi e agli altri, siamo assenti nelle relazioni e sempre troppo distratti dal superfluo.

L’assenza che si sente con più forza in questa nostra società è quella di cui parla Massimo Recalcati ovvero l’assenza del ruolo del padre, che potrebbe spiegare anche il perché dei comportamenti senza limiti degli alunni nei confronti dei docenti.

Il padre in questo caso viene inteso come interdizione, rappresenta secondo Recalcati, la negazione del desiderio incestuoso di Edipo. Il padre è colui che impartisce la Legge, colui che impone i limiti al comportamento del figlio e ne consente la separazione dalla figura materna, favorendo in lui lo sviluppo di una personalità autonoma.

Oggi la funzione del padre e della Legge sono in disfacimento con l’avvento della società capitalista che distrugge ogni ideale. 

I figli oggi fanno sempre meno l’esperienza dell’esistenza del limite e della Legge, con padri sempre più assenti nel loro ruolo di guida.

Se pensiamo a qualche tempo fa, i figli un po’ temevano il ruolo del padre, basta ricordare quando le mamme, dopo che si combinava qualche marachella, dicevano con tono minaccioso: “Quando torna tuo padre vedrai!”

Oggi il potere dell’autorità paterna nei confronti dei figli sta venendo meno, il potere che ci permetteva di imporre la Legge e di farla rispettare, che permetteva ai figli di sentire una gerarchia in famiglia e di portare rispetto per chi si trova nelle posizioni al di sopra della loro.

Oggi, quello che impedisce ai genitori di imporre il rispetto per questa gerarchia da un lato potrebbe essere l’idea sbagliata che sta prendendo sempre più piede nelle famiglie che “bisogna essere amici dei figli”, dall’altro è il senso di colpa.

I genitori costretti a lavorare entrambi per soddisfare le esigenze inculcate loro dalla società, si ritrovano a passare sempre più tempo fuori casa delegando così l’educazione dei figli a qualcun altro. Questo inevitabilmente porterebbe loro a sentirsi in colpa e a compensare il loro senso di colpa cercando di riempirsi e riempire i propri figli con oggetti, adottando atteggiamenti più permissivi nei loro confronti, evitando ai figli di fare esperienza anche di quei “NO” che li aiuterebbero a percepire l’esistenza dei limiti e a nutrire il rispetto verso figure, quali quelle genitoriali in questo caso, che in una gerarchia si trovano al di sopra della loro posizione.

I figli di oggi dunque fanno meno esperienza del limite e della Legge, sono pieni di oggetti e non rispettano le gerarchie.

In un contesto del genere come possono nutrire rispetto per figure, quali quella del docente?

A tutto ciò, ci sarebbe da aggiungere anche il cambiamento che il ruolo dell’insegnante ha avuto nel corso del tempo.

Se pensiamo agli insegnanti del passato e al loro modo di impartire l’educazione, non possiamo non ricordare la sensazione di timore che suscitavano. Basti ricordare che il simbolo per eccellenza dell’insegnante era la bacchetta, usata come oggetto didattico e allo stesso come strumento punitivo.

In passato nelle scuole infatti, agli alunni non mancavano le umiliazioni fisiche e psicologiche, pensiamo alle tirate di orecchie, al castigo del dover indossare le orecchie di asino se si sbagliava una domanda o all’isolamento dietro la lavagna.

Se noi provassimo a fare un confronto storico, è sicuramente una fortuna che agli insegnanti è oggi interdetto l’uso della violenza come metodo punitivo perché oltre ai danni fisici, queste punizioni innescavano gravi traumi psicologici nella fase della crescita.

Il sistema di punizioni fisiche fortunatamente, è stato sostituito gradualmente con metodi pedagogici e psicologici più adatti al percorso di sviluppo dei più giovani, in cui il bambino viene premiato quando assume un comportamento lodevole e punito quando infrange le regole che gli vengono imposte.   

Questo però non dovrebbe legittimare l’uso della violenza nei confronti dell’insegnante da parte di genitori e alunni, perché oggi la situazione sembra addirittura ribaltarsi.

Quello che manca oggi è il rispetto verso la figura dell’insegnante. I genitori e i presidi spesso sottovalutano e giustificano episodi di aggressione e violenza degli alunni etichettandoli come marachelle.

I professori vengono spesso “condannati” per i brutti voti ricevuti dagli alunni e allo stesso tempo divengono spesso i maggiori “colpevoli” del degrado dei comportamenti dei ragazzi e della mancanza di competenze che questi ultimi si ritrovano ad avere quando si affacciano al mondo del lavoro. 

Il ruolo di insegnante sta continuando a subire una triste decadenza, spesso si ritrova infatti a dover limitarsi a fare da “baby-sitter” ad adolescenti e bambini per non incorrere in minacce e aggressioni.

Ma se la figura che ha il dovere di formare la società del domani, la futura classe dirigente, i futuri medici e tutti quei giovani che un giorno diverranno adulti con doveri e responsabilità, sta decadendo e perdendo il suo potere, chi penserà a forgiare e a formare le menti a cui affideremo la nostra società?

Il contributo per La Voce di Bolzano è della dottoressa Giovanna Parente, Psicologa Psicoterapeuta libero professionista specializzata in Gestalt e Analisi Transazionale, Psicologa scolastica presso l’Istituto Pluricomprensivo di Brunico-Val Pusteria.

 

Pubblicità
Pubblicità

Benessere e Salute

Ansia da concepimento: quando il figlio non arriva

Pubblicato

-

Per molte coppie il pensiero di avere un figlio e vederlo nascere avviene molto spontaneamente. Per altre esaudire tale desiderio non è né facile né scontato. Il desiderio di avere un bambino muta e matura con il tempo, porta con sé speranze, timori, aspettative e l’idea di una realizzazione personale e di coppia. 

Quando passano i mesi e non accade nulla la prima reazione è spesso quella dell’incredulità. Inizia a  instaurarsi un saliscendi di emozioni: negazione, rabbia, rifiuto. Paura.

Infertilità, sterilità maschile, infezioni, le cause possono essere molte, compresi problemi psicologici. Molte ricerche hanno infatti dimostrato che esistono fattori psicologici in grado di incidere o di condizionare la gravidanza, interferendo con ovulazione e spermatogenesi. 

Pubblicità
Pubblicità

Presso l’università dell’Ohio è stato dimostrato che situazioni emotive intense e persistenti possono produrre un aumento dei livelli di ormoni (prolattina ed LH) che regolano il ciclo femminile, causando alterazioni dell’ovulazione e delle mestruazioni.

Situazioni di stress intenso possono avere un effetto diretto anche sulla fertilità maschile, influenzando la qualità del liquido seminale con una riduzione del volume, della mobilità e della concentrazione degli spermatozoi. Anche i livelli di testosterone e la produzione degli spermatozoi possono essere influenzati dallo stress. 

In momenti delicati, come quello della ricerca di un figlio, la coppia stessa è sottoposta ad un forte pressione esterna ed interna. La componente psico-emozionale, dunque, può incidere sulla fertilità con meccanismi molto diversi: per questo la tendenza oggi è di considerare più fattori come cause.

Rivolgersi a uno specialista per assicurarsi che non ci siano problemi biologici nella donna o nell’uomo è il primo passo di ogni coppia. Alcune sentono anche più specialisti, sottoponendosi ad analisi mediche e cure invasive in un vortice di emozioni: dallo choc al rifiuto, dalla collera all’angoscia, dall’ansia alla frustrazione fino ai sensi di colpa.

Per affrontare al meglio queste situazioni lo psicologo può essere un valido alleato. Psicologi e psicoterapeuti possono aiutare la coppia a trovare le risorse per restare unita, fino a essere uno il sostegno dell’altro.

Come? Offrendo uno spazio di ascolto competente che possa aiutare la donna, l’uomo e/o la coppia a ritrovare un equilibrio con sé stessi, a trovare le proprie risorse ad ascoltarsi e comprendersi.

 

Il contributo per La Voce di Bolzano è della  Dott.ssa Daniela Boati. Psicologa, perfezionata in ambito post partum, genitorialità, coppia e sessualità.

Pubblicità
Pubblicità

Continua a leggere

Benessere e Salute

Convivere con la celiachia, alcuni consigli

Pubblicato

-

La celiachia è una patologia che colpisce più le donne (145.759 donne) che gli uomini ( 60.802) esemplificando possiamo dire che 2/3 della popolazione celiaca è donna.

Ma al femminile la risposta immunitaria è più veloce probabilmente anche perché il fisico è più preparato a combattere le infezioni, specificatamente quelle post parto.

Di fatto l’unica dieta possibile è quella aglutinata con le farine che si possono utilizzare che sono: crema e amido di riso, farina di mais, maizena, miglio, soia, tapioca, castagne, ceci e genericamente quelle derivate dai legumi.

Pubblicità
Pubblicità

Per lo svezzamento si introduce il glutine a 12 mesi che non riduce il rischio, ma posticipa la comparsa della celiachia.

Anche per la celiachia è consigliato il movimento, specialmente la ginnastica aerobica che riduce i rischi cardiovascolari.

La dieta dev’essere particolarmente ricca di frutta e verdura specialmente quella rossa, viola e blu scuro che sono i colori che indicano la presenza di antociani che sono degli antiossidanti della famiglia dei polifenoli, in grado di garantire una maggiore tonicità ai tessuti venosi e quindi maggiore spinta al flusso sanguigno.

Mirtilli, ribes e uva nera sono da magiare con la buccia. Consigliati anche more, melanzane, cavoli, radicchio, cavolfiori e patate viola; senza tralasciare la vitamina C che si trova negli agrumi, fragole., kiwi, rucola e pomodori.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

Benessere e Salute

Codici: manganese e Parkinson, il legame che minaccia i saldatori

Pubblicato

-

L’Associazione Codici lancia una nuova campagna per la salute.

Riguarda una malattia professionale, che colpisce soprattutto gli operai saldatori, le persone più esposte al manganese. Questa sostanza, quando viene respirata sotto forma di polveri, provoca gravi conseguenze, fino al Parkinson.

È su questa correlazione che si basa l’iniziativa che Codici ha deciso di avviare, per fare chiarezza e giustizia.

Pubblicità
Pubblicità

Ricerche scientifiche hanno analizzato il legame tra il Parkinson e l’esposizione lavorativa – spiega il Segretario Nazionale di Codici Ivano Giacomelliin particolare uno studio statunitense mette in evidenza che i lavoratori esposti ai fumi di saldatura presentano un rischio maggiore di sviluppare lesioni cerebrali e, nello specifico, la malattia di Parkinson. Vogliamo fare luce su questo collegamento e capire se le aziende per cui i saldatori hanno lavorato, ammalandosi, hanno adottato tutte le garanzie di prevenzione necessarie“.

Gli operai, ma anche i sindacati possono segnalare casi di Parkinson tra i saldatori contattando l’Associazione al numero 065571996 oppure all’indirizzo email segreteria_nazionale@codici.org.

Codici studierà le carte e si attiverà affinché i lavoratori colpiti ottengano giustizia.

Pubblicità
Pubblicità
Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza