Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Politica

Referendum, Urzì: sopravvive anche la clausola di garanzia per Bolzano e Laives voluta da Fdi, sconfitta di Svp/Lega/FI

Pubblicato

-

Condividi questo articolo




Pubblicità

Poco se ne è parlato,  ma nella revisione della legge sulla democrazia diretta che volevano imporre SVP Lega e Forza Italia e bocciata dal Referendum popolare come richiesto anche da Fdi c’era anche l’abolizione della clausola di garanzia per i comuni a maggioranza di lingua italiana.

In sostanza, e ciò grazie ad un emendamento presentato a suo tempo da FdI e approvato dal Consiglio provinciale, era stato introdotto il principio di una doppia maggioranza favorevole a modifiche di leggi di forte impatto sui territori dei comuni a maggioranza appunto di lingua italiana. Quindi una maggioranza sia a livello provinciale che una maggioranza anche fra i comuni interessati, ossia Bolzano, Laives, Bronzolo, Vadena e Salorno.

Ciò per evitare colpi di mano su questioni altamente sensibili, anche se non squisitamente etniche. La misura di garanzia sopravvive oggi nel testo di legge E il tentativo di abolire le norme di tutela verso le sensibilità di un gruppo linguistico è stato sventato.

Pubblicità - La Voce di Bolzano



Attiva/Disattiva audio qui sotto

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Sopravvive quindi la norma voluta da Fratelli d’Italia a tutela delle comunità residenti nell’area soprattutto di Bolzano e Laives altrimenti normalmente ignorate dalla politica provinciale.

Il risultato della consultazione popolare è  una battuta di arresto soprattutto degli alleati della SVP, Lega e Forza Italia, totalmente assenti in questa partita e piegati ai diktat di Kompatscher. Bocciatura anche per l’aggregazione civica di Zanin, che in questo caso si era distaccata dalle altre minoranze provinciali scegliendo la strada del sostegno incondizionato alla Svp. Ma uscendone scottata.

Una riflessione, comunque, a livello provinciale dovrà essere fatta sull’utilizzo dello strumento referendario che deve rimanere l’estrema ratio , come il dato di affluenza dimostra, e non lo strumento principe nell’esercizio della democrazia.

Pubblicità - La Voce di BolzanoPubblicità - La Voce di Bolzano

La politica deve assumersi le proprie responsabilità. In questo caso si è risposto con un referendum solo ad una totale chiusura della maggioranza di governo e all’indisponibilità a soluzioni condivise.

Il referendum è stato necessario, perché altrimenti sarebbe stato cancellato lo strumento della conferma popolare delle norme che ora sopravvive e come detto della garanzia verso la sensibilità del gruppo linguistico in primis italiano di fronte a possibili forzature su tematiche sensibili.

Una vittoria anche di Fratelli d’Italia. Lo ha affermato il consigliere provinciale di Fratelli d’Italia Alessandro Urzì.

NEWSLETTER

Arte e Cultura12 minuti fa

Contributo provinciale alla Fondazione Haydn. Kompatscher: “Un patrimonio culturale per tutta la regione”

Laives16 ore fa

Le critiche del Centro Sinistra di Laives su Serra didattica a Pineta e pulizia dell’abitato

Alto Adige16 ore fa

Incendio in una autorimessa a Flaines, intervento tempestivo dei vigili del fuoco

Bolzano19 ore fa

Bar e ristoranti: “Personale quasi introvabile per i locali di Bolzano”. La riunione del direttivo Confesercenti

Laives20 ore fa

Laives, dalla prossima settimana via alle nuove asfaltature

Val Pusteria23 ore fa

A Brunico, controlli straordinari del territorio e prevenzione generale

Alto Adige23 ore fa

Aggressioni e minacce tra motociclisti: retata della Polizia

Bressanone1 giorno fa

Risse e aggressioni, Polizia e Carabinieri chiudono nuovamente il bar SOLE a Bressanone

Economia e Finanza1 giorno fa

Rovereto: 150 assunzioni e 1,3 milioni di risorse per contrastare la disoccupazione

Trentino1 giorno fa

Nasce la «Montagnaterapia»: firmato l’accordo tra SAT e APSS

Benessere e Salute1 giorno fa

Bonus psicologo: richieste in scadenza al 31 maggio 2024

Alto Adige1 giorno fa

Incendio devasta il ristorante St. Moritz in Val d’Ultimo

Consigliati1 giorno fa

Regolamenti e certificazioni nazionali per la sicurezza del gioco online: ecco quali operano

Val Pusteria2 giorni fa

Carabinieri di Dobbiaco nelle scuole della Val Pusteria per la cultura della legalità

Bressanone2 giorni fa

Eventi criminali alle tabaccherie, rimangono indispensabili prevenzione e collaborazione. I Carabinieri all’assemblea annuale della FIT

Alto Adige3 settimane fa

Carabinieri di Bolzano lanciano una campagna di sensibilizzazione contro le truffe agli anziani

Alto Adige3 settimane fa

Hotel altoatesini bersaglio di truffe seriali, denunciato un 46enne napoletano

Bolzano3 settimane fa

Rissa al Druso: quattro daspo emessi dal questore

Bolzano3 settimane fa

Scoperto mezzo chilo di hashish nascosto in una siepe a Bolzano

Alto Adige3 settimane fa

Automobilista ferito gravemente dopo un impatto con un camion in valle Aurina

Salute3 settimane fa

Servizio Sanitario Nazionale, per l’89% degli italiani è sacro

Politica3 settimane fa

Tensione in giunta sulla commissione pari opportunità: critiche da Galateo di Fratelli d’Italia

Politica4 settimane fa

Presidente Kompatscher assegna le deleghe della giunta regionale

Politica4 settimane fa

La commissione di convalida del consiglio provinciale posticipa la decisione sulla posizione di Renate Holzeisen

Val Pusteria3 settimane fa

Operazione di controllo a Brunico e Bressanone: irregolarità in bar e sanzioni del Questore

Oltradige e Bassa Atesina3 settimane fa

Girava tra le case con arnesi da scasso a Montagna: denunciato

Alto Adige3 settimane fa

Incidente sulla MeBo: camper in fiamme sulla corsia sud

Motori3 settimane fa

Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio eletta “Sedan of the Year”

Italia ed estero3 settimane fa

Ungheria: Ilaria Salis in tribunale ancora con manette e catene

Alto Adige3 settimane fa

Polizia intensifica i controlli su alcol e droga tra i conducenti in Alto Adige

Archivi

Categorie

più letti