Connect with us

Economia e Finanza

Riapertura di viale Trento, Corrarati: “Si sperimenti durante l’estate”

Pubblicato

-

D’estate nelle città partono più cantieri, così impattano meno sul traffico e sulla vita quotidiana. Allora si usi questo periodo per testare una soluzione tampone, utile per quando partiranno i grandi cantieri in centro, che le nostre aziende, quasi tutte con sede in zona produttiva, dovranno raggiungere, passando per via Roma, via Resia, via Druso”.

Lo afferma Claudio Corrarati, presidente della CNA-SHV. La proposta: “Si sperimenti, come viabilità di prova, viale Trento aperto ai soli mezzi aziendali, con orario 6-8.30, 13-14 e 17.30-18.30”.

Secondo la CNA-SHV, riaprendo viale Trento chi deve approvvigionare cantieri e aziende e chi deve movimentare lavoratori potrà usare una sorta di “via del Lavoro”, cioè viale Trento, dotandola di un sistema di accessi autorizzati tramite telecamere.

Pubblicità
Pubblicità

Una Ztl a tutti gli effetti – spiega Corrarati – che sposterebbe il traffico pesante, commerciale, artigianale e di servizio tecnico su un asse viario differente dalle strade più utilizzate, sulle quali, tra l’altro, si crea il “canyon dello smog”.

Chi volesse accedere senza autorizzazione alla Ztl, sarebbe automaticamente rilevato dal sistema di telecamere e sanzionato. Le sanzioni potrebbero essere utilizzate per migliorare la viabilità cittadina o incentivare l’uso dei mezzi pubblici”.

Il presidente della CNA-SHV argomenta: “Testando l’apertura a fasce orarie nel periodo estivo si potrebbero verificare orari, modalità di accesso e altri dettagli tecnici essenziali per una decisione da adottare durante il lungo periodo transitorio, ovvero fino a quando il Piano urbano mobilità sostenibile della città non sarà completato.

Per le difficoltà che ogni giorno incontriamo, per il disagio che creiamo noi stessi alla città con i nostri mezzi di cui non possiamo fare a meno, meritiamo per lo meno un periodo di prova di questa proposta, che da anni CNA-SHV sta portando avanti”.

Solo con un test si potrebbe verificare, tramite strumentazione adeguata, quale sia la riduzione del traffico, dell’inquinamento atmosferico e acustico che porterebbe questa soluzione sui percorsi interessati oggi dai maggiori transiti.

Non si dimentichi – osserva Corrarati – che a breve partiranno grandi cantieri come il WaltherPark in centro e il parcheggio di piazza vittoria, oltre ai tradizionali cantieri per le ristrutturazioni.

Le nostre aziende sono fatte da elettricisti, idraulici, muratori, pittori ed altri artigiani che dovrebbero partire dalla Zona produttiva o dalle Zone artigianali per arrivare fino al centro in orari che evitino interferenze non solo ambientali, ma anche di sicurezza, per il transito di mezzi pesanti su vie della città normalmente percorse anche da bici, moto, scooter, pedoni: tutti soggetti a rischio in strade attraversate anche da mezzi aziendali, alcuni dei quali mezzi pesanti”.

A favore di questa proposta – conclude Corrarati – vi sono anche costi ridotti per il test di viabilità, in quanto esistono già telecamere e sistemi di gestione smart del traffico che permettono di monitorare la sperimentazione e verificarne la funzionalità. L’estate porti consiglio a tutti”.

Economia e Finanza

Emergenza maltempo, Assoimprenditori: “Importante investire in infrastrutture moderne”

Pubblicato

-

L’emergenza maltempo dei giorni scorsi ha messo in evidenza ancora una volta l’instancabile voglia di fare, la disponibilità a dare il proprio contributo, la prontezza a sostenere chi è in difficoltà da parte della nostra popolazione. Siamo grati a tutti quelli – i volontari, la protezione civile, le forze dell’ordine, le imprese e i loro collaboratori – che in questi giorni hanno aiutato l’Alto Adige a superare l’emergenza“.

Con queste parole Federico Giudiceandrea, Presidente di Assoimprenditori Alto Adige, rivolge un sentito ringraziamento a tutti coloro che si sono impegnati per affrontare insieme i grandi disagi causati dal maltempo.

Allo stesso tempo, il Presidente di Assoimprenditori invita a guardare avanti:

Pubblicità
Pubblicità

I giorni appena passati ci hanno anche mostrato in tutta evidenza come sia indispensabile un territorio con infrastrutture di collegamento moderne ed efficienti. Gli investimenti per rendere più sicure le reti di collegamento dati, energetiche, stradali e ferroviarie sono indispensabili per un territorio come il nostro: vale per i centri urbani e ancora di più per le zone rurali e periferiche.

Anche in queste aree infatti l‘industria è il primo datore di lavoro: raggiungibilità, sicurezza nell’approvvigionamento energetico e disponibilità di una connessione ad una rete di collegamento dati veloce sono indispensabili per le imprese produttive e orientate all’export, e allo stesso tempo sono irrinunciabili anche per la cittadinanza“, sottolinea Giudiceandrea.

Le interruzioni di corrente e le forti limitazioni alla mobilità hanno causato pesanti disagi a molte famiglie così come ingenti danni a molte imprese, che però hanno ripreso prontamente la propria attività appena possibile:

Oltre al pronto intervento dei volontari e della protezione civile, è stata fondamentale la grande disponibilità delle nostre collaboratrici e dei nostri collaboratori che sono tornati al lavoro anche in condizioni non sempre facili. È una nostra responsabilità anche nei loro confronti investire per rendere il nostro territorio sempre più pronto ad affrontare anche eventi di grave entità“, chiude il Presidente di Assoimprenditori.

Continua a leggere

Economia e Finanza

Autotrasporto, sospeso il fermo dei Tir. Convocati i tavoli tecnici

Pubblicato

-

CNA Fita Trentino Alto Adige informa che Unatras, l’unione dell’autotrasporto che raccoglie le sei sigle del settore tra, ha sospeso il blocco dei Tir, annunciato ma non ancora programmato, a seguito del verbale d’intesa stipulato con il ministro delle infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli.

Lo evidenzia una nota in cui si valorizza il “senso di responsabilità, anche in considerazione degli eventi di calamità e del conseguente stato di emergenza in atto nel Paese, anche in Trentino Alto Adige, dimostrato dai rappresentanti dei trasportatori”.

Indispensabile, secondo CNA Fita regionale, che “come previsto dall’accordo, la prossima settimana siano convocati i tavoli tecnici”.

Pubblicità
Pubblicità

Riconoscendo il fattivo impegno del Ministro – afferma Piero Cavallaro, referente CNA Fita Trentino Alto Adige – non possiamo che raccogliere le preoccupazioni degli operatori del settore, che chiedono con determinazione l’applicazione delle regole, dei tempi di pagamento e dei costi che garantiscono la sicurezza dei servizi di trasporto.

Ovviamente seguiremo con attenzione gli sviluppi dei lavori parlamentari per verificare che le provviste economiche indicate nel protocollo siano confermate”.

Continua a leggere

Economia e Finanza

Bollette luce e gas e passaggio al mercato libero: se ne parla il 20 novembre con il CTCU

Pubblicato

-

Come leggere le bollette luce e gas? Cosa comporterà per i consumatori il passaggio dal mercato tutelato al mercato libero?

Se ne parla mercoledì 20 novembre dalle 17:00 alle 18:30 presso la Sala del Dopolavoro ferroviario di via Crispi, 28 a Bolzano (angolo via Raiffeisen). Relatore il dott. Paolo Guerriero, consulente del Centro Tutela Consumatori e Utenti di Bolzano.

L’incontro ha l’obiettivo di accrescere le conoscenze dei partecipanti. Nonostante gli sforzi dei fornitori per renderle più trasparenti, le bollette dell’energia e del gas rimangono incomprensibili al comune cittadino.

Pubblicità
Pubblicità

Eppure è il primo passo per capire quali sono i nostri consumi reali e iniziare a risparmiare sulla spesa di luce e gas. Quali saranno inoltre le implicazioni per gli utenti nel passaggio obbligatorio a partire da luglio 2020, dal mercato tutelato di gas e luce al mercato libero?

Argomenti che saranno trattati:

  Bollette luce e gas; capire cosa si sta pagando e quindi come si può risparmiare abbassando i consumi o scegliendo una tariffa luce conveniente

  Come avverrà il passaggio obbligatorio al cosiddetto mercato libero

  Come cambierà la bolletta col passaggio al mercato libero?

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza