Connect with us

Alto Adige

Da Salorno a Chiusa tutti i danni del maltempo in Alto Adige e il grande lavoro degli uomini del soccorso – La Gallery

Pubblicato

-

44975458_2076337999091767_7099123719544504320_o
Innichen
karerpass3
innichen3
karerpass2
karerpass4
innichen4
karerpass
karerpass7
karerpass6
karerpass5
klausen
klausen2
karerpass8
klausen3
klausen7
Martell
Martell1
Martell2
meran
milland
partschins
Obstgenossenschaft Juval Kastelbell
moospasseier
moos_sexten
salurn
sand in taufers
st.jakob_grutzen
stegen2
stegen
Schwienbacher
sterzing
villanders
toblach
villanders2
toblach2
villanders4
webmail-1.managedserver.it
webmail-3.managedserver.it
webmail-2.managedserver.it
webmail-4.managedserver.it
webmail-5.managedserver.it
webmail-6.managedserver.it
webmail-7.managedserver.it
webmail.managedserver.it
welschnofen
welschnofen2
welschnofen3
WhatsApp Image 2018-10-30 at 16.48.43
WhatsApp Image 2018-10-30 at 16.48.44
WhatsApp Image 2018-10-30 at 16.48.46
winnebach
Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image... Loading image...

Bressanone

Soliman è tornato: ieri a Bressanone la prima del “Best of Soliman’s Dream”

Pubblicato

-

Dopo gli oltre 155.000 visitatori entusiasti degli ultimi anni, l’elefante Soliman ritorna alla Hofburg.

Un’incantevole nevicata luminosa ha accolto il pubblico a Palazzo Vescovile. Dopo il saluto ufficiale degli organizzatori, dei padroni di casa e del sindaco, nella Hofburg è diventato buio.

Per la prima volta gli spettatori hanno potuto assistere alla storia di Soliman dal punto di vista dell’elefante. Egli stesso racconta il suo lungo viaggio dalle colonie indiane del Portogallo attraverso la Spagna all’Italia settentrionale, i suoi sogni e il suo soggiorno a Bressanone.

Pubblicità
Pubblicità

L’attore e narratore Peter Schorn, nato a Bressanone, presta quest’anno la sua voce all’elefante e accompagna i visitatori in un meraviglioso mondo magico.

“Il riscontro estremamente positivo degli ospiti e il numero crescente di visitatori ci dimostrano anno dopo anno che gli artisti francesi della luce “Spectaculaires” sono i partner giusti al nostro fianco. Sono sempre in grado di offrire alla gente del posto e agli ospiti un’esperienza molto speciale“, dice Huber.

Il sindaco Peter Brunner parla di uno spettacolo di formato mondiale, che ispira grandi e piccini con un’arte della luce di alta qualità, che arricchisce enormemente la città vescovile durante il periodo natalizio.

Sono questi eventi di alta qualità che ci rendono orgogliosi della nostra città“, dice il primo cittadino della città vescovile.

Lo spettacolo Best of Soliman’s Dream permette ai visitatori di sognare di nuovo. Così i primi spettatori hanno lasciato con occhi raggianti il cortile interno della Hofburg di Bressanone.

Continua a leggere

Merano

Solland, indagine contro gli operai che non spengono gli impianti per difendere la fabbrica

Pubblicato

-

La piccola Ilva dell’Alto Adige è la Solland Silicon di Merano. Abbandonata dal Governo e da gran parte della politica locale, ma anche dal sindaco della stessa città in cui è stata per decenni un pilastro fondamentale dell’economia.

Anni di vicende giudiziarie, aste e dubbi sulle procedure seguite, ma rischiano solo gli operai nei confronti dei quali hanno cominciato ad essere notificate dall’autorità giudiziaria comunicazioni di una indagine in corso, che potrebbe anche travolgere proprio solo loro.

Perché non hanno accettato di spegnere gli impianti decretando così la morte della “loro” fabbrica e la perdita del loro lavoro.

Pubblicità
Pubblicità

Le comunicazioni sono arrivate a domicilio delle prime persone interessate, lavoratori. Ora sarà da comprendere che piega e dimensione prenderà la vicenda, drammatica – sottolinea il consigliere provinciale Alessandro Urzì – . Potrebbe essere anche solo un atto dovuto, e lo speriamo vivamente, ma intanto c’è alla faccia dei tavoli ministeriali, dei ricorsi pendenti, dello sciopero in corso.

D’altronde la vicenda è tutto tranne che trasparente e chiara. Uno scontro non solo industriale e collegato ad un fallimento“.

La dimensione politica è emersa anche nel corso di una recente seduta straordinaria del Comune di Merano dove le forze politiche italiane hanno espressamente denunciato l’obiettivo politico dichiarato di fare morire un’azienda collocata nel contesto industriale italiano.

Una fabbrica storica per Merano, nata sul sito della antica Montedison negli anni Trenta del secolo scorso attorno alla quale sono cresciuti i quartieri operai di Merano. I meranesi di lingua italiana sono in grande parte figli di quella fabbrica che oggi conta solo una sessantina di operai tutti iperspecializzati.

Dal vortice di speranze, offerte calate sul tavolo ma ignorate e assegnazione per asta ad una “fortunata” impresa locale di tutto il complesso per pochi spiccioli (poco meno di due milioni, il costo di quattro appartamenti) entrano in scena i lavoratori che dopo avere ricevuto il mandato attraverso le ordinanze di dismissione della Provincia di togliere la spina alla loro stessa azienda, svuotando i silani e spegnendo le macchine in una operazione di massima delicatezza controllata, hanno deciso di entrare in sciopero: svuotare le riserve di materiale primo significherebbe infatti spegnere il cuore della fabbrica.

Tutte le operazioni di mantenimento in sicurezza degli impianti vengono garantite.

Ma è a loro che ora viene notificato l’avvio di una indagine: sarà solo dovuta ma intanto adesso, dopo questa penosa vicenda che dura da anni, sono solo loro, gli operai, ad essere a rischio penale, probabilmente perché si sono rifiutati di completare il loro suicidio (lavorativo) assistito”, conclude Urzì.

Continua a leggere

Alto Adige

Camion si ribalta sull’A22 a Chiusa

Pubblicato

-

Pericoloso incidente ieri sera sull’A22 all’altezza di Chiusa dove intorno alle 21 per cause ancora da verificare il un mezzo pesante che trasportava lastre di cemento ha perso il controllo rovesciandosi.

Nessun ferito e fortunatamente solo qualche disagio al traffico.

Sul posto i vigili del fuoco di Chiusa e Bolzano e la polizia stradale.

Pubblicità
Pubblicità

 

Continua a leggere

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza