Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Ambiente Natura

Vettorato: “Il termovalorizzatore di Bolzano è molto efficiente”

Pubblicato

-

Condividi questo articolo




Pubblicità

I termovalorizzatori costituiscono l’ultimo passaggio del ciclo di smaltimento dei rifiuti. Con l’evolversi dell’economia circolare la quantità di materiale trattato in questi impianti sarà progressivamente ridotta.

Nel frattempo, però, essi ci permettono di chiudere il ciclo di trattamento senza celare il problema sottoterra o procrastinare una soluzione a tempo indefinito e possono garantire una risorsa energetica importante per i cittadini.

I dati sono dalla parte del termovalorizzatore, come ci spiegano i nostri esperti” afferma l’assessore all’Energia e all’Ambiente Giuliano Vettorato, che specifica: “L’impianto di Bolzano recupera il calore generato dalla combustione dei rifiuti, che viene trasformato in vapore e utilizzato in questa forma per produrre sia energia elettrica che calore”. 

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Un moderno impianto di cogenerazione – Il processo passa per un moderno impianto di cogenerazione: un impianto, cioè, che permette di produrre allo stesso tempo sia elettricità che calore. L’energia elettrica prodotta serve in piccola parte (circa il 15%) per soddisfare i consumi elettrici dell’impianto, mentre la maggior parte viene venduta in rete. In termini di cifre, nel 2021 sono stati prodotti oltre 90 GWh di energia elettrica, che, par fare un paragone, corrispondono ad un terzo della produzione provinciale da fotovoltaico, spiegano gli esperti della Ripartizione Ambiente della Provincia.

Teleriscaldamento a prezzi concorrenziali con quelli del gas – L’energia termica prodotta nel 2021, pari a poco più di 100 GWh, viene immessa nella rete di teleriscaldamento. Per sfruttarne al massimo le potenzialità è stato realizzato un grande accumulo termico, che ha permesso di ridurre radicalmente il consumo di gas dell’impianto di produzione del teleriscaldamento e di conseguenza le relative emissioni di gas ad effetto serra. Già prima della crisi energetica causata dalla guerra in corso in Ucraina, la tariffa di vendita del calore prodotto dal termovalorizzatore permetteva di garantire ai clienti un prezzo concorrenziale con quello del gas. Su questa base è stata pianificata un’importante espansione della rete che ha interessato sia la zona industriale che i quartieri a sud-ovest fino a raggiungere la zona della stazione ferroviaria.

In termini numerici il termovalorizzatore ha fornito nel 2021 circa 100 GWh di energia termica – più o meno il 90% della produzione totale – alla rete di teleriscaldamento, che ha complessivamente coperto il fabbisogno di 333 utenze con una potenza complessiva di 120 MW. Il numero delle utenze è contenuto, in quanto nella prima fase sono state allacciate soprattutto utenze di potenza rilevante per garantire la sostenibilità tecnica della rete. Il processo di ampliamento della rete di teleriscaldamento è ancora in corso e a breve permetterà di utilizzare completamente il calore prodotto dal termovalorizzatore.

Pubblicità - La Voce di BolzanoPubblicità - La Voce di Bolzano

Vettorato: “Questi investimenti sono scelte lungimiranti” – L’investimento fatto nel teleriscaldamento alimentato dal termovalorizzatore rappresenta una scelta lungimirante, perché i prezzi attuali sono concorrenziali con quelli del gas e permettono di attrarre utenti” le parole dell’assessore all’Energia e all’Ambiente Giuliano Vettorato, osservando i risultati che si stanno ottenendo. A conferma di ciò, va considerato anche che in questa fase di crisi energetica la domanda supera addirittura le possibilità tecniche di garantire allacciamenti in tempi brevi. “Un altro fatto interessanteaggiunge l’assessore Vettoratoè che il termovalorizzatore di Bolzano consente di chiudere il ciclo dei rifiuti urbani prodotti all’interno della provincia e di non dipendere da operatori esterni. Uno degli aspetti essenziali è la gestione pubblica dell’impianto, che è stato realizzato dalla Provincia e gestito da una sua controllata che non può fare utili”.

Dal punto di vista delle emissioni è un impianto all’avanguardia, le prestazioni sono notevoli sia per quanto riguarda gli inquinanti classici (per questo tipo di impianti) come ad esempio le diossine (l’emissione è pari a 0,001 ng\Nm3, a fronte di un limite autorizzativo di 0,025 ng\Nm3 e di un limite di legge di 0,1 ng\Nm3), sia per quanto riguarda inquinanti come il monossido di azoto (NO) e del biossido di azoto (NO2), con una emissione di 30 mg\Nm3 a fronte di un’autorizzazione che consente 40 mg\Nm3 e di un limite di legge è ancora più elevato, pari a 200 mg\Nm3.

Guardando a questi dati, perciò, l’emissione di diossine di questo termovalorizzatore è un centesimo di quella consentita per legge e quelle di monossido di azoto (NO) e di biossido di azoto (NO2) sono meno di un sesto rispetto ai valori limite conclude l’assessore Vettorato.

NEWSLETTER

Merano3 ore fa

Politica senza privilegi. I Verdi di Merano donano una parte del loro gettone di presenza

Alto Adige10 ore fa

Termovalorizzatore di Bolzano, in visita la terza commissione

Merano10 ore fa

PM rimuove le accuse di lesioni costali nel caso Gruber

Trentino10 ore fa

Il governo non impugnerà la legge trentina sugli orsi

Val Pusteria11 ore fa

Confindustria Alto Adige: l’assemblea in Val Pusteria ha confermato Peter Rech rappresentante comprensoriale

Oltradige e Bassa Atesina12 ore fa

La prima tappa di “Borgo diVino in tour 2024” fa sosta a Egna con un ricco programma

Laives13 ore fa

Il sottopasso al contrario: “Barriera architettonica che non protegge i più deboli”

Val Pusteria13 ore fa

Rio Pusteria, l’incontro tra i Carabinieri e il Sindaco Heinrich Seppi

Oltradige e Bassa Atesina14 ore fa

Lamentele per impennate, derapate, guida a folle velocità. Aumentano i controlli al ponte Ischia Frizzi

Bolzano14 ore fa

Tentano la rapina e scatta una rissa. Espulsi tre cittadini marocchini

Val Pusteria1 giorno fa

Patenti di guida irregolari in Val Pusteria. I controlli dei Carabinieri

Valle Isarco1 giorno fa

Vipiteno, un inverno in crescita e il lancio della nuova ActivCard

Merano1 giorno fa

Quattro giorni d’immersioni nella bellezza del verde con “Merano Flower Festival”

Merano1 giorno fa

La cooperativa sociale Ginko pensa all’apertura del negozio nel rione Maria Assunta a Merano

Val Pusteria1 giorno fa

Denunciata falsa operatrice dell’assistenza domiciliare che ha tentato di rubare in casa di persone anziane

Alto Adige4 settimane fa

Carabinieri di Bolzano lanciano una campagna di sensibilizzazione contro le truffe agli anziani

Alto Adige4 settimane fa

Hotel altoatesini bersaglio di truffe seriali, denunciato un 46enne napoletano

Bolzano4 settimane fa

Rissa al Druso: quattro daspo emessi dal questore

Alto Adige4 settimane fa

Automobilista ferito gravemente dopo un impatto con un camion in valle Aurina

Politica4 settimane fa

Tensione in giunta sulla commissione pari opportunità: critiche da Galateo di Fratelli d’Italia

Salute4 settimane fa

Servizio Sanitario Nazionale, per l’89% degli italiani è sacro

Val Pusteria4 settimane fa

Operazione di controllo a Brunico e Bressanone: irregolarità in bar e sanzioni del Questore

Oltradige e Bassa Atesina4 settimane fa

Girava tra le case con arnesi da scasso a Montagna: denunciato

Alto Adige4 settimane fa

Incidente sulla MeBo: camper in fiamme sulla corsia sud

Merano4 settimane fa

Controlli speciali a Merano: il questore notifica altri decreti di espulsione

Italia ed estero4 settimane fa

Ungheria: Ilaria Salis in tribunale ancora con manette e catene

Alto Adige4 settimane fa

Polizia intensifica i controlli su alcol e droga tra i conducenti in Alto Adige

Alto Adige3 settimane fa

Albanese arrestato con undici chili di droga e biciclette rubate: permesso di soggiorno revocato

Motori4 settimane fa

Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio eletta “Sedan of the Year”

Alto Adige4 settimane fa

Polizia arresta ricercato al rientro in Italia e intensifica controlli a Vipiteno e Brennero

Archivi

Categorie

più letti