Connect with us

Italia ed estero

L’ultima decisione: Ungheria blocca 50 miliardi di nuovi fondi europei all’Ucraina

Pubblicato

-

Condividi questo articolo

Nella notte tra giovedì e venerdì, il primo ministro ungherese Viktor Orbán ha dichiarato il suo veto all’invio di nuovi aiuti all’Ucraina, ammontanti a 50 miliardi di euro, e ha bloccato l’approvazione del bilancio pluriennale europeo per il periodo 2021-2027. Questi fondi risultano cruciali per l’Ucraina, impegnata nella difesa contro l’invasione russa e per evitare il rischio di bancarotta.

Inizialmente, spettava al Consiglio Europeo, l’organo che riunisce i capi di stato e di governo dell’Unione Europea, decidere sull’invio di tali risorse. L’annuncio del veto è stato fatto personalmente da Orbán attraverso i suoi canali social mentre il Consiglio Europeo era ancora in corso a Bruxelles.

La decisione di Orbán era in gran parte attesa, considerando che l’Ungheria è stata l’unico paese europeo a opporsi da tempo alla nuova tranche di aiuti, soprattutto data la sua vicinanza alla Russia. Tuttavia, alcuni analisti e esperti europei avevano ipotizzato la possibilità di un cambiamento di posizione da parte del primo ministro ungherese nelle settimane precedenti.

Pubblicità - La Voce di Bolzano



Attiva/Disattiva audio qui sotto

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Questa prospettiva sembrava più plausibile dopo che la Commissione Europea, mercoledì, aveva annunciato lo sblocco di circa 10 miliardi di euro dei “fondi di coesione” per l’Ungheria. Questi fondi, destinati alle regioni più svantaggiate dell’Unione, erano stati sospesi un anno prima a causa delle accuse di corruzione e illiberalità nei confronti del governo ungherese.

Sebbene molti osservatori avessero collegato la possibilità di sbloccare i fondi europei all’Ungheria con l’approvazione dei nuovi aiuti per l’Ucraina, sia il governo ungherese che la Commissione Europea avevano respinto ogni connessione tra le due questioni.

Tuttavia, giovedì sera, una decisione del Consiglio Europeo ha probabilmente influito sul veto ungherese. Il Consiglio aveva annunciato l’avvio dei negoziati per l’adesione dell’Ucraina e della Moldavia all’Unione Europea. Tale decisione era stata approvata all’unanimità da rappresentanti di 26 paesi, mentre Orbán aveva abbandonato l’aula durante la discussione, astenendosi dall’appoggiare la decisione e definendola una scelta “sbagliata” a cui l‘Ungheria “non vuole partecipare”.

Pubblicità - La Voce di BolzanoPubblicità - La Voce di Bolzano
Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Oltradige e Bassa Atesina2 settimane fa

Crea caos sull’autobus e poi al Pronto Soccorso, dove sferra una testata al vigilantes. Arrestato dai Carabinieri

Sport2 settimane fa

Podio alla prima stagionale per Manuela Gostner nel Ferrari Challenge Europe

Eventi2 settimane fa

Promosso a pieni voti l’inverno: Movimënt si prepara a un’estate di novità

Alto Adige4 settimane fa

Pronti a “pescare” le offerte dei fedeli con metro a nastro e scotch biadesivo in Chiesa: segnalati alle autorità

Trentino2 settimane fa

La sfida lanciata dal modello cooperativo all’industria discografica. Se ne parla al Festival dell’Economia di Trento

Eventi2 settimane fa

Decimo anniversario della campagna di sensibilizzazione MutterNacht 2024. Sabato 11 maggio la giornata d’azione

Alto Adige4 settimane fa

Proseguono a raffica arresti, denunce e tre decreti di espulsione anche in un 25 aprile “tranquillo”

Alto Adige2 settimane fa

Giustizia riparativa: Kofler: «uno strumento efficace per la nostra comunità»

Società4 settimane fa

Quindici giovani talenti della ricerca scientifica: workshop interdisciplinare Laimburg-Berlino

Alto Adige4 settimane fa

Espulsi madre e figlio per violenze sessuali, riti magici, obbligo del velo e lesioni sulla giovane moglie e nuora

Consigliati3 settimane fa

Scommesse sportive con deposito minimo basso

Bolzano2 settimane fa

Aggressione a un medico al pronto soccorso: nigeriano con precedenti penali denunciato

Bolzano3 settimane fa

Aggressione in discoteca: giovane percosso e contuso. Scattano gli accertamenti di pubblica sicurezza

Oltradige e Bassa Atesina3 settimane fa

Crede di trovarsi di fronte ad un’occasione imperdibile, ma è tutta una truffa

Laives2 settimane fa

Impianto sportivo Galizia a Laives, con la Provincia aperto il discorso per la riqualificazione totale

Archivi

Categorie

più letti