Connect with us

Politica

Morti da Covid in Alto Adige, Urzì: “I conti non tornano. Commissioni d’inchiesta in Comune e Provincia”

Pubblicato

-

Nel marzo del 2020 sono decedute a Bolzano 213 persone; erano 126 nello stesso mese del 2019. Un saldo solo per il mese di marzo 2020 rispetto ad un anno fa di +87 deceduti.

Ma ecco che i conti, per il consigliere provinciale Urzì non tornano. Scrive Urzì:

Dopo il macello dei numeri sbagliati delle prime settimane di conferenze stampa del Presidente Kompatscher (non venivano sommati i deceduti nelle case di riposo con quelli dei deceduti in ospedale abbassando di molto le medie) solo il 3 aprile esce la prima tabella ufficiale dei 139 deceduti di tutto l’Alto Adige suddivisi per comune (di residenza) ad inizio aprile, quindi includendo tutti quelli di marzo.

Pubblicità
Pubblicità

Su Bolzano sono indicati in quella tabella solo 27 deceduti per Covid. Ossia solo un terzo degli 87 che costituiscono la quota di deceduti in più del 2020 rispetto a marzo del 2019. Di cosa sarebbe morta la cinquantina di bolzanini in più (non “registrati” pazienti Covid) rispetto al 2019?

Certamente non è un dato certo, può esserci una maggiore incidenza di tumori o di infarti o di altre patologie (ma non ci sono stati incidenti in montagna, sulle piste da sci, in automobile, sul lavoro rispetto al normale mese di marzo 2019) ma pensare che tutta la cinquantina di deceduti in più non registrati come Covid non siano attribuibili in alcun modo al virus (in assenza di tamponi di conferma) è grave“.

I numeri arrivano dal consigliere comunale di Bolzano Alessandro Forest, che li ha richiesti all’anagrafe cittadina e che ora chiede una commissione d’inchiesta. “Si stanno allentando le maglie ma intanto non siamo certi che si stia dicendo tutta la verità sui numeri reali”, avvisa.

Riassumendo per percentuali: i deceduti nel solo comune di Bolzano facendo il raffronto fra il mese di marzo del 2019 e il mese di marzo del 2020 (il cuore dell’infezione da Coronavirus) sono stati del 70% in più. Ma solo un terzo di questi sono attribuiti nelle consuete conferenze stampa del Presidente Kompatscher al virus. E gli altri? Di cosa sarebbero morti? I dati forniti rendono giustizia alla verità?

Analoghe indagini nel bergamasco hanno portato a risultati eguali. I numeri ufficiali forniti in Alto Adige non sono reali né realistici, soprattutto non sono realistici” avvisa Forest formalizzando la richiesta di Commissione d’inchiesta in Comune perché sia fatta chiarezza su un dato spaventoso minimizzato.

Continua Urzì: “D’altronde come si spiegherebbe la massa di funerali da gestire con ritmi da catena di montaggio? Le bare sulle quali solo pochi giorni fa il sindaco è andato a pregare: perché questi dati non sono stati forniti con esattezza, non è stato richiesto un tampone di verifica per tutti i morti a casa, in ospedale, in casa di riposo. Ma anche e soprattutto a casa? Il sindaco ha pianto i morti ma perché non ha fornito i dati reali accettando quelli della Protezione civile che in Alto Adige fa capo al Presidente Kompatscher?”.

L’idea di una rappresentazione falsata (per non creare allarme corrispondente alla gravità della situazione) si rafforza.

Fra 27 (dati ufficiali) e 87 (il maggior numero di morti a Bolzano rispetto al 2019) c’è una grande differenza, – denuncia Forest – . Se la si nascondesse non sarebbe leale verso l’opinione pubblica. E non ci sono i dati provinciali, dove il trend potrebbe essere lo stesso“.

Parallelamente alla richiesta di Forest il consigliere provinciale Alessandro Urzì, interessato da Forest, farà una richiesta analoga di Commissione d’inchiesta anche in Provincia, da cui sono usciti i dati “tranquillizzanti” di “soli” 139 caduti per Covid (ad inizio aprile, oggi 245), quando se il trend fosse lo stesso di Bolzano potrebbero essere di letteralmente centinaia di più, anche se non “registrati” come tali.

Appunto non ci sono ancora tutti i dati di tutto aprile. La questione evidentemente non finisce qui.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Trasformare l’azienda in Società Benefit per migliorare appeal commerciale
    La recente situazione pandemica sta avendo un impatto travolgente sui mercati e sull’economia generale, mettendo in discussione il ruolo stesso dell’azienda che dovrà necessariamente evolversi per assecondare nuove variabili. L’attuale situazione economica: In questo contesto,... The post Trasformare l’azienda in Società Benefit per migliorare appeal commerciale appeared first on Benessere Economico.
  • WORKATION – Lavoro vista mare o monti
    Il nuovo trend che interessa anche gli operatori del ricettivo Mare, montagne, lago, acqua, natura. Chi non sogna di lavorare stando in vacanza? Pensate ad una riunione vista Dolomiti, ad una pausa pranzo in un... The post WORKATION – Lavoro vista mare o monti appeared first on Benessere Economico.
  • I FIL GOOD – Alla ricerca della Felicità Interna Lorda, il paradigma del futuro
    Che i soldi non facciano la felicità è probabilmente vero, ma è altrettanto inconfutabile che siano un potente rilassante. Nel nostro mondo dominato dalla cultura capitalistica, il denaro è diventato una pietra angolare della struttura... The post I FIL GOOD – Alla ricerca della Felicità Interna Lorda, il paradigma del futuro appeared first on Benessere […]
  • Vaccinazioni sui luoghi di lavoro: cosa prevede il Protocollo
    Le registrazioni nei corridoi, i box per le somministrazioni nelle sale riunioni: il protocollo firmato al Ministero del Lavoro da Confidustria e organizzazioni sindacali declina le possibilità del vaccino sui luoghi di lavoro. Il documento... The post Vaccinazioni sui luoghi di lavoro: cosa prevede il Protocollo appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus cultura 2021: 500 euro a tutti i neo 18enni, come funziona
    Anche per quest’anno è stato confermato il bonus cultura di 500 euro per tutti i neo 18enni nati nel 2002, ed erogato dallo Stato per l’acquisto di musica, corsi online, libri ed altre attività culturali.... The post Bonus cultura 2021: 500 euro a tutti i neo 18enni, come funziona appeared first on Benessere Economico.
  • FMI: “ tassare redditi alti e grandi patrimoni per sostenere ripresa economica”
    Il Fondo Monetario Internazionale propone la sua ricetta per aiutare i Paesi da uscire dalla crisi economica, suggerendo una tassa di solidarietà per finanziare le spese e i sostegni necessari a combattere la crisi. All’interno... The post FMI: “ tassare redditi alti e grandi patrimoni per sostenere ripresa economica” appeared first on Benessere Economico.
  • Riscatto laurea, una possibilità per anticipare la pensione: modalità e costi
    Il nostro ordinamento consente di sfruttare il periodo universitario attraverso il riscatto di laurea che prevede di riscattare i contributi dei corsi a fini pensionistici. Nonostante questa possibilità esista da molti anni con costi particolarmente... The post Riscatto laurea, una possibilità per anticipare la pensione: modalità e costi appeared first on Benessere Economico.
  • Trasformarsi in mense aziendali: una possibilità per ristoranti e bar di lavorare
    Nonostante le zone rosse e arancioni, per bar e ristoranti si apre una piccola speranza con la possibilità di svolgere servizio di mensa per le zone limitrofe. Come noto la conferma della divisione del Paese... The post Trasformarsi in mense aziendali: una possibilità per ristoranti e bar di lavorare appeared first on Benessere Economico.
  • Dichiarazione redditi 2021: tutte le novità sulle spese detraibili e l’obbligo di tracciabilità
    Con l’arrivo della primavera si entra nel vivo della dichiarazione dei redditi. Nei modelli di quest’anno debuttano alcune importanti novità la riduzione progressiva dei bonus fiscali per i redditi alti, l’obbligo di tracciabilità e i... The post Dichiarazione redditi 2021: tutte le novità sulle spese detraibili e l’obbligo di tracciabilità appeared first on Benessere Economico.
  • Settimana lavorativa da 4 giorni: un modello che funziona anche in Italia
    Alla luce del progetto pilota, il Governo spagnolo si avvia alla fase di sperimentazione che prevede di ridurre l’orario lavorativo dei dipendenti senza diminuirne lo stipendio: una settimana lavorativa di 4 giorni per un totale... The post Settimana lavorativa da 4 giorni: un modello che funziona anche in Italia appeared first on Benessere Economico.

Categorie

di tendenza