Connect with us

Angolo Bellerofonte

Sanità altoatesina, la caduta di un impero

Pubblicato

-

Questi sono i viaggi di Bellerofonte che a cavallo di Pegasus, la sua fida tastiera alata, vi narrerà le gesta dell’ultimo imperatore di Roma Flavio Romolo Augustolo, esiliato da Odoacre in Alto Adige.

Purtroppo, ahi lui, le cose anche qui non andarono affatto bene, soprattutto quando si accorse che anche l’impero locale stava per crollare, l’impero dell’Azienda Sanitaria Alto Adige.

Povero piccolo Augustolo che convinto di rifarsi dei fasti della Roma di un tempo, si ritrova a dover migrare nuovamente verso altri lidi.

Infatti è da oltre un anno che la sanità altoatesina, come nel più strano dei paradossi, è bersaglio dei suoi stessi dirigenti, di cui la manifesta incapacità manageriale è seconda solamente alla loro inettitudine professionale.

Forse sto usando parole che gravano sugli amministratori dell’ente sanitario tanto quanto una macina da frantoio grava sulle olive, ma non vedo come possa essere altrimenti.

Il tutto inizia con le prime denunce circa l’incapacità di risolvere l’annoso problema della lungaggine delle liste d’attesa oltreché l’impossibilità di effettuare prenotazioni di prestazioni sanitarie presso il C.U.P., problema già raccontato in uno dei miei precedenti viaggi.

Ci hanno provato a risolvere il problema, certo che ci hanno provato.

La soluzione era stata individuata nel dott. Luca Armanaschi, al quale un sempre meno colpevole Thomas Schael aveva confezionato una ripartizione su misura, quella dell’Assistenza Ospedaliera, appunto per risolvere le criticità sulle prestazioni sanitarie.

Un buco nell’acqua, un flop che ricorda tanto quei programmi televisivi pubblicizzati in pompa magna e chiusi dopo la prima puntata per mancanza di gradimento ed Armanaschi non ha la stoffa del santo che fa miracoli.

Poi abbiamo la questione dei concorsi “ad personam” dove vengono affidati incarichi a dirigenti risultati inidonei a tali concorsi; uno su tutti quello di Direttore Sanitario per il quale la Giunta Provinciale uscente decise comunque ed arbitrariamente di nominare l’inidoneo dott. Thomas Lanthaler, escluso proprio a quel concorso.

E vogliamo parlare del Pronto Soccorso del San Maurizio con il suo cambiamento di destinazione d’uso, che da presidio medico diventa ricovero per senzatetto?

E senza contare le lunghe ore d’attesa ed una triage da tombola natalizia!

E pensare che lo statista da retrobottega, al secolo Arno Kompatscher, gridava sulla stampa di lingua tedesca che la colpa era degli amministratori di madrelingua italiana, un calcio di rigore per i suoi detrattori costato svariate migliaia di voti alle ultime elezioni e la perdita di tre consiglieri. Un fenomeno.

La defenestrazione del direttore generale Thomas Schael avvenuta nel luglio scorso ha accelerato notevolmente il declino dell’azienda, aprendo uno squarcio irreparabile nelle mura di cinta della fortezza sanitaria.

Ancor più devastante sarà la nomina di Florian Zerzer come nuovo direttore generale dell’ASL AA, una inconfutabile ombra sulla legittimità della nomina medesima, addirittura oggetto di interrogazione parlamentare promossa dal neo consigliere pentastellato Diego Nicolini.

Nicolini, che ha portato avanti la sua campagna elettorale all’insegna dell’hashtag “#guardianidellalegalità”, sta portando avanti una denuncia sulla questione della formazione specialistica svolta negli ospedali della Provincia di Bolzano, regolata dall’ordinamento giuridico austriaco, anch’essa oggetto di interrogazione parlamentare; in un’altra epoca, una cosa del genere sarebbe stato motivo di conflitto bellico.

Ma Nicolini non è solo in questa battaglia. Gli fa da sponda l’ANAAO, il sindacato dei medici ospedalieri, sceso sul sentiero di guerra non solo per la questione degli specializzandi.

Sono mesi che il sindacato più rappresentativo cerca invano di far luce sull’utilizzo improprio di personale medico, perennemente sotto organico a causa della medievale proporzionale etnica.

Non scandalizziamoci se al San Giovanni Bosco di Napoli ci sono le formiche, negli ospedali altoatesini troviamo oculisti ed otorini che fanno turni di guardia nel Pronto Soccorso Chirurgico oltre a medici privi di specializzazione che fanno radiografie e anestesie, ed è solo quello di cui siamo certi.

L’ANAAO vuol capire chi, come, quando e perché viene svolta l’attività medica.

Non è accettabile che ci siano 46 medici in pensione reintegrati in pianta stabile nell’organico sanitario, come è inaccettabile l’utilizzo di medici esterni alle strutture ospedaliere.

Non è un caso che a tal proposito, le indagini svolte dalla Guardia di Finanza e dai Carabinieri circa la somministrazione di prestazioni sanitarie effettuate da medici dipendenti da società private, prive delle necessarie autorizzazioni ministeriali presso alcuni presidi ospedalieri altoatesini, abbiano avuto un effetto devastante sia dal punto di vista della credibilità sia dal punto di vista della professionalità, per non parlare della lievitazione dei costi.

Ed in ultimo, non per importanza, l’utilizzo indiscriminato di medici vincolati a contratti d’opera, paragonabili ai raccoglitori di cotone utilizzati nei campi della Virginia, nessuna tutela sindacale, sfruttamento indiscriminato ma col vantaggio dell’assenza di obbligo di possesso del patentino di bilinguismo.

All’inizio avevo detto che il problema del declino dell’impero è tutto interno al sistema: lo conferma un documento firmato congiuntamente da alcuni medici operanti nell’ospedale di Silandro, riportante che i medici medesimi si sentono mobbizzati dalla presenza dei Carabinieri.

Riepilogando, Diego Nicolini lancia hashtag “#guardianidellalegalità, l’ANAAO lavora per il ripristino della legittimità, le Forze dell’Ordine lavorano per la tutela la legalità, ma in ASL AA c’è chi si lamenta della legalità.

Qui Bellerofonte, che insieme all’ultimo imperatore romano vi saluta e rimanda al prossimo viaggio.

NEWSLETTER

Archivi

  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]

Categorie

di tendenza