Connect with us

Angolo Bellerofonte

Vaccinarem humanum est, perseverare autem Tyrolis Meridionalis: benvenuti nella terra dei No Vax

Pubblicato

-

Foto newstarget.com

Alto Adige, ultima frontiera.

Questi sono i viaggi di Bellerofonte che a bordo della sua tastiera alata, vi porterà nella valle dove anche Mosè dopo aver ricevuto le Tavole della Legge sul monte Sinai, prenotò una SPA di lusso a Merano per riprendersi dalle fatiche. Ordinò una Kaiserschmarrn al posto dell’indigesta manna e appena rifocillato, si apprestò a riprendere il lungo viaggio verso la terra Promessa.

Fu a quel punto che pensò “…se devo passare almeno quarant’anni nel deserto, sarà meglio che prima faccia qualche vaccino…”. Ma dopo aver visto aprire il Mar Rosso, uscire l’acqua dalla roccia e cadere la manna dal cielo, fu un colpo durissimo scoprire che c’è un limite anche ai miracoli… Perché? Perché era in Alto Adige, la terra con la più bassa percentuale di copertura vaccinale.

Pubblicità
Pubblicità

Povero Mosè ma soprattutto poveri altoatesini.

“Sapevamo di avere un tasso di vaccinazioni basso, tra i più bassi d’Italia e d’Europa, ma non sapevamo di essere messi così male”.

Correva l’anno domini 2017, questa fu la dichiarazione tombale rilasciata dal presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Walter Ricciardi, a margine di un incontro tenutosi con i vertici della sanità altoatesina, perché in Alto Adige c’è una Chimera, chiamata appunto copertura vaccinale.

Secondo indiscrezioni, pare che nell’incontro a porte chiuse tenutosi lunedì l’otto ottobre presso l’ospedale San Maurizio di Bolzano tra la delegazione ministeriale guidata dal sottosegretario alla Salute Bartolazzi, accompagnata dal candidato alla provincia per il M5S Diego Nicolini insieme al Direttore della Ricerca Clinica e Progetti dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Padova dott. Costantino Gallo, e i vertici della sanità locale, si sia parlato appunto di copertura vaccinale. Sembra che, al richiamo del sottosegretario Bartolazzi sul problema preoccupante dei vaccini, sempre secondo indiscrezioni, ci sia stato un irrigidimento da parte dell’azienda.

I vertici aziendali hanno riferito che l’Alto Adige guarda al modello tedesco che si basa sulla libera scelta e non sull’obbligatorietà di legge, dimenticandosi di un particolare di non poco conto ovvero che in Germania, anche se nessuna vaccinazione è obbligatoria, dall’epidemia di morbillo del 2014 le scuole devono segnalare alle autorità i bambini che non sono stati vaccinati.

Nel paese viene quindi richiesto il certificato vaccinale per l’iscrizione a scuola, proprio come avviene nel resto d’Italia, Canada e Stati Uniti.

Figuraccen ma non finisce qui. L’affondo arriva quando gli stessi dirigenti, resosi conto della gaffe, dichiarano che comunque si attengono al sistema del nord Tirolo; doppia figuraccen!

Nessuno va in Austria a dire cosa devono fare tantomeno che linee seguire, credo ancor meno che l’Austria si adoperi per una politica di ingerenza nei confronti dei suoi diretti confinanti.

Per il vostro Bellerofonte la questione si traduce in una sola parola: cultura.

Già nel 2016, il dott. Gallo aveva portato alla ribalta nazionale il problema della copertura vaccinale nell’Alto Adige presentando dati e casistiche non coerenti con le direttive dell’OMS, tanto che il suo appello venne accolto da alcuni parlamentari; tale accoglienza produsse un’interrogazione parlamentare a risposta scritta nei confronti dell’allora ministro della salute.

In Alto Adige, soprattutto nelle valli dove si riscontra la minore copertura vaccinale, è culturalmente insito nella natura degli autoctoni il rigetto della medicina in generale. Mi spiego meglio. Vi ricordate la famosa pubblicità di quella marca di dentifrici che recitava “prevenire è meglio che curare”? Ecco, tutti quelli che oggi ricorrono alle cure odontoiatriche è perché non hanno visto quella pubblicità e non si sono lavati i denti. 

Battute a parte, sia la prevenzione che lo screening, il monitoraggio essenziale per la prevenzione del cancro al seno o per altre patologie femminili, non vengono ben visti dalla popolazione. Per questo la gente non si vaccina, perché non è mai stata educata alla prevenzione, perché “quel recinto chiuso” non percepisce l’opportunità e la validità di un’azione vaccinale, convinti che bere latte di capra e mangiare yogurt basti a tenere lontani le malattie epidemiche. 

Per farvi capire quanto sia radicata nella cultura locale l’avversione ai vaccini, si pensi che agli incontri organizzati dai sostenitori “novax” hanno partecipato centinaia di persone; a essi facevano eco quelli organizzati dall’azienda sanitaria, caratterizzati da una presenza tipo “deserto assoluto”.

Eppure l’azienda sanitaria aveva provveduto con una campagna di sensibilizzazione a ovviare al problema, utilizzando tre testimonial per lanciare la campagna sulla vaccinazione. Nel 2017, i vertici della Asl di allora presentarono la campagna «Perché mi piace la vita» che doveva essere “risolutiva”; forse avrebbero fatto meglio ad ingaggiare Steve Bannon, sicuramente avrebbe fatto meglio della dott.ssa Dagmar Regele.

 La dott.ssa Regele è primario presso il Servizio di Igiene e Sanità Pubblica di Brunico ma soprattutto è anche Direttrice del Dipartimento Funzionale di Prevenzione (funzionale vuol dire senza sede operativa), dipartimento dal quale dipende la programmazione e la somministrazione dei vaccini oltreché tutte le attività di prevenzione e monitoraggio della salute della popolazione. Secondo i dati rilevabili dal documento “Elenco delle strutture dirigenziali e dei dirigenti – Situazione 31.03.2017” presenti sul sito istituzionale dell’ASL AA, la professionista, a fronte di una prestazione discutibile, percepisce uno stipendio lordo annuo pari a 199.425,18 Euro per la carica di primario, al quale va sommato uno 0,5 per cento come riconoscimento per il servizio di Direttrice del Dipartimento Funzionale di Prevenzione più un “modestissimo” 0,2 per cento per l’incarico di Direttrice del Servizio di medicina di Base. Tanta roba.

A pensar male, si direbbe che la direttrice non sia così funzionale; a pensar bene, con queste cifre il vostro Bellerofonte avrebbe vaccinato la Chimera, Zeus, Ade, Poseidone e Medusa con serpenti inclusi. 

Per finire, la mancanza di medici di base che provvedono alla somministrazione di vaccini e l’esiguità di personale preposto al servizio di prevenzione nei distretti, come contorno a un’inadeguata programmazione di prevenzione, confermano le preoccupazioni del sottosegretario.

Bartolazzi, che sono le stesse preoccupazioni della ministro Giulia Grillo.

L’Autonomia passa anche dalle garanzie di salute previste dalla Costituzione, dalle normative vigenti in materia di prevenzione e anche dalle sanzioni previste per la mancata osservanza. Soprattutto, quest’ultime sono state strumentalizzate per fini politici dall’amministrazione uscente, la quale per voce dell’assessore Stocker, più volte ha dichiarato che non avrebbe sanzionato i trasgressori. In una campagna all’ultimo sangue, anche i fuorilegge fanno numero.

Qui Bellerofonte, che col suo fido Pegaso (e con Mosè) si accinge al prossimo viaggio.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • L’idea di rifugio si evolve in sostenibilità, design e tradizione
    Il giusto equilibrio tra sostenibilità, design e tradizione prende forma grazie all’innovativo progetto di due architetti italiani che, reinterpretando l’idea tradizionale di rifugio hanno progettato e realizzato “ The Mountain Refuge”. Si tratta di una piccola capanna modulare dalla forma semplice e minimale che vuole rievocare l’archetipo tradizionale mediante composizioni innovative e contemporanee. La struttura […]
  • Lindt realizza il sogno di ogni bambino: apre in Svizzera la Home of Chocolate
    La Lindt Home of Chocolate, in italiano “Casa del Cioccolato“, avrebbe dovuto aprire le porte al pubblico lo scorso maggio ma, a causa della pandemia di Covid-19 che sta ancora affliggendo la popolazione mondiale, Lindt ha dovuto rimandare questo dolce e atteso appuntamento al 10 settembre 2020. Questa Casa del Cioccolato, situata nella sede di Lindt& Sprüngli […]
  • Internet supera i confini del deserto con 30 palloni aerostatici
    Dal mondo della tecnologia arriva il primo passo verso una società più equa. Il 4G supera i confini del deserto e arriva in Kenya grazie a 30 palloni aerostatici alimentati ad energia solare per garantire una copertura di rete a 14 contee keniote altrimenti isolate. L’iniziativa è frutto di un accordo tra la compagnia telefonica […]
  • Percorso Kneipp: concludere le vacanze in Trentino in totale relax
    La strana e tanto discussa estate 2020 sta per giungere al termine. E, se ci si trova in Trentino Alto-Adige, cosa si può fare per concludere al meglio la propria vacanza? Una delle tappe da non perdere è sicuramente il Percorso Kneipp, Centro situato in Val di Rabbi, per la precisione nella Frazione S. Bernardo. Il […]
  • In Giappone trionfano le vacanze covid – Free, di girare il mondo su un aereo ma con la realtà virtuale
    Per ottemperare alle rigide restrizioni imposte per abbattere la pandemia da Coronavirus garantendo contemporaneamente l’emozione del viaggio in aereo, una compagnia aerea giapponese ha riconvertito la propria offerta proponendo ai clienti  eccentriche vacanze virtuali a bordo di aerei finti con occhiali per la realtà virtuale. L’ideatrice di questo stravagante progetto è la Tokyo First Airlines, che permette […]
  • Si viaggerà ad idrogeno anche in Italia: dal 2021 al via i nuovi treni
    Negli ultimi anni, le soluzioni green per il trasporto pubblico si sono moltiplicate e concretizzate sempre di più attraverso la produzione di treni riciclabili a basse emissione oppure con l’entrata in servizio di Bus ibridi. A questo si aggiunge l’ultimissimo accordo siglato tra uno dei maggiori colossi di infrastrutture energetiche, Slam e una delle più […]
  • La Nasa riprogramma la strada verso la Luna testando “il razzo più potente di sempre”
    Dopo l’ultima missione di Apollo del 1972, l’agenzia aerospaziale americana Nasa si prepara a riportare l’uomo sulla Luna, testando nel deserto di Utah quello che ha definito “ il razzo più potente di sempre”, lo Space Launch System. Questo razzo farà parte della missione Artemide che in un solo lancio riuscirà a portare l’equipaggio insieme […]
  • Petit Pli: il vestito che cresce insieme ai bambini
    I bambini crescono rapidamente e spesso i loro vestitini hanno vita molto breve diventando stretti o troppo piccoli. Un’ulteriore costo che incide sulle tasche delle famiglie e dell’ambiente. A risolvere questo problema ci ha pensato il designer Ryan Yasin attraverso dei tessuti elastici che adattandosi perfettamente al corpo riescono a coprire ben 6 differenti taglie. […]
  • Scuole sanificate con robot a raggi UV: in Gran Bretagna le scuole sono a prova di virus
    Mentre in Italia ci si interroga ancora su come e quando aprire le scuole in vista dei rientri in classe degli studenti, in alcuni Istituti della Gran Bretagna anche la robotica entra in servizio per accelerare e favorire il rientro in sicurezza di bambini e ragazzi. Infatti, nelle ultime settimane per rendere tutte le superfici […]
  • Arriva la mascherina dotata di purificatore d’aria inossidabile
    L’arrivo dell’autunno e il possibile aumento dei contagi dimostra che l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale, primo fra tutti l’utilizzo della mascherina, rimarrà in vigore ancora per un tempo ancora non del tutto definito. Per questo motivo, arriva un’alternativa alle mascherine usa e getta dotata di purificatore d’aria inossidabile. La nuovissima “Puricare Wearable Air Purifier” […]

Categorie

di tendenza