Connect with us

Alto Adige

#AltoAdigesiriparte: poste le basi per prestiti di importi maggiori

Pubblicato

-

Da settimane la Giunta lavora a un ampio programma per sostenere famiglie e imprese nella ripartenza dopo la crisi di liquidità conseguente alle misure di contenimento da COVID19. Nella prima fase già in via di attuazione la priorità è rivolta proprio a evitare crisi di liquidità per famiglie e imprese.

Dopo l’approvazione delle prime iniziative, fra cui la concessione di crediti agevolati fino a 35.000 euro per famiglie e imprese e i finanziamenti a fondo perduto per le piccole imprese che sono già in fase di attuazione, dal 21 aprile la Giunta ha posto in essere un ulteriore passo.

Su proposta del presidente Arno Kompatscher l’esecutivo ha, in accordo con istituti bancari e cooperative di garanzia, dato disco verde alla messa a disposizione di crediti di maggiore importo, ossia a partire da 35.000 euro e fino a 1,5 milioni di euro.Il presidente ha illustrato l’intesa nell’ambito della conferenza stampa virtuale della Provincia di ieri.

Pubblicità
Pubblicità

Destinatari di questi  finanziamenti agevolati sono imprese e lavoratori autonomi che hanno registrato a causa della pandemia da nuovo coronavirus gravi e documentabili perdite di fatturato. “La sinergia fra Giunta provinciale, banche locali e cooperative di garanzia ha reso possibile mettere a disposizione questo aiuto immediato per garantire liquidità al sistema economico ha rimarcato Kompatscher.

Crediti fra 35.000 e 300.000 euro

Le nuove misure approvate riguardano da un lato crediti di importi compresi fra 35.0000 e 300.000 euro per la durata di 6 anni, dei quali i primi due a tasso zero. “La Provincia si accollerà infatti il costo del tasso d’interesse dello 0,4%” ha chiarito Kompatscher, fra l’altro titolare della delega alle Finanze. Per i successivi 4 anni il tasso d’interesse ammonta all’Euribor più lo spread fino a un massimo dell’1,9%. Per i clienti non sussistono altre spese né commissioni.

Crediti fra 300.000 e 1,5 milioni di euro

Il provvedimento di ieri rende inoltre possibili crediti erogati a condizioni agevolate di importi compresi fra 300.000 e 1,5 milioni di euro. In questo caso il tasso d’interesse nei primi 2 anni ammonta allo 0,4% grazie al fatto che la Provincia si assume il costo della differenza dello 0,5% sul totale dello 0,9% del tasso d’interesse originariamente applicato a questi importi.

Per i successivi 4 anni, sulla durata complessiva di 6 del prestito, il tasso d’interesse ammonterà all’Euribor più lo spread per un massimo dell’1,9%. In questo caso i costi per spese e commissioni ammontano allo 0,25% per un massimo di 2.500 euro.

Con queste due misure di finanziamento agevolato completiamo l’offerta già approvata e aiutiamo le imprese e i lavoratori autonomi a gestire meglio la crisi di liquidità derivante dalla crisi del nuovo coronavirus” ha aggiunto Kompatscher.

Domande da mercoledì 29 aprile

All’intesa per l’erogazione di questi prestiti da domani possono aderire tutte le banche con una filiale in Alto Adige. Imprese e lavoratori autonomi da mercoledì 29 aprile possono fare richiesta di questi crediti agevolati. Le condizioni dell’accordo per questi prestiti di importi superiori sono state concordate con i tre principali istituti di credito dell’Alto Adige: Banca Raiffeisen dell’Alto Adige, Cassa di Risparmio di Bolzano e Banca popolare dell’Alto Adige.

Da ieri nel frattempo le banche offrono anche prestiti fino a 35.000 euro a condizioni agevolate grazie al fatto che la Provincia si assume per il primo anno i costi del tasso d’interesse, mentre dal secondo anno in poi si applica il tasso dell’1,25% senza ulteriori spese.

Anche per i prefinanziamenti di importi fra 35.000 e 800.000 euro per massimo 6 mesi a tasso zero e per il 90% del finanziamento massimo richiesto è già possibile fare richiesta. La Provincia anche in questo caso si assume i costi per lo 0,75% degli interessi, oltre alle spese e alle commissioni.

Le banche si sono impegnate a rispondere a tutte le richieste nel più breve tempo possibile e in ogni caso nell’arco di massimo 10 giorni.

Tutte le iniziative di sostegno a famiglie, imprese e lavoratori sono consultabili sul sito web provinciale #AltoAdigesiriparte.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

  • Trasformare l’azienda in Società Benefit per migliorare appeal commerciale
    La recente situazione pandemica sta avendo un impatto travolgente sui mercati e sull’economia generale, mettendo in discussione il ruolo stesso dell’azienda che dovrà necessariamente evolversi per assecondare nuove variabili. L’attuale situazione economica: In questo contesto,... The post Trasformare l’azienda in Società Benefit per migliorare appeal commerciale appeared first on Benessere Economico.
  • WORKATION – Lavoro vista mare o monti
    Il nuovo trend che interessa anche gli operatori del ricettivo Mare, montagne, lago, acqua, natura. Chi non sogna di lavorare stando in vacanza? Pensate ad una riunione vista Dolomiti, ad una pausa pranzo in un... The post WORKATION – Lavoro vista mare o monti appeared first on Benessere Economico.
  • I FIL GOOD – Alla ricerca della Felicità Interna Lorda, il paradigma del futuro
    Che i soldi non facciano la felicità è probabilmente vero, ma è altrettanto inconfutabile che siano un potente rilassante. Nel nostro mondo dominato dalla cultura capitalistica, il denaro è diventato una pietra angolare della struttura... The post I FIL GOOD – Alla ricerca della Felicità Interna Lorda, il paradigma del futuro appeared first on Benessere […]
  • Vaccinazioni sui luoghi di lavoro: cosa prevede il Protocollo
    Le registrazioni nei corridoi, i box per le somministrazioni nelle sale riunioni: il protocollo firmato al Ministero del Lavoro da Confidustria e organizzazioni sindacali declina le possibilità del vaccino sui luoghi di lavoro. Il documento... The post Vaccinazioni sui luoghi di lavoro: cosa prevede il Protocollo appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus cultura 2021: 500 euro a tutti i neo 18enni, come funziona
    Anche per quest’anno è stato confermato il bonus cultura di 500 euro per tutti i neo 18enni nati nel 2002, ed erogato dallo Stato per l’acquisto di musica, corsi online, libri ed altre attività culturali.... The post Bonus cultura 2021: 500 euro a tutti i neo 18enni, come funziona appeared first on Benessere Economico.
  • FMI: “ tassare redditi alti e grandi patrimoni per sostenere ripresa economica”
    Il Fondo Monetario Internazionale propone la sua ricetta per aiutare i Paesi da uscire dalla crisi economica, suggerendo una tassa di solidarietà per finanziare le spese e i sostegni necessari a combattere la crisi. All’interno... The post FMI: “ tassare redditi alti e grandi patrimoni per sostenere ripresa economica” appeared first on Benessere Economico.
  • Riscatto laurea, una possibilità per anticipare la pensione: modalità e costi
    Il nostro ordinamento consente di sfruttare il periodo universitario attraverso il riscatto di laurea che prevede di riscattare i contributi dei corsi a fini pensionistici. Nonostante questa possibilità esista da molti anni con costi particolarmente... The post Riscatto laurea, una possibilità per anticipare la pensione: modalità e costi appeared first on Benessere Economico.
  • Trasformarsi in mense aziendali: una possibilità per ristoranti e bar di lavorare
    Nonostante le zone rosse e arancioni, per bar e ristoranti si apre una piccola speranza con la possibilità di svolgere servizio di mensa per le zone limitrofe. Come noto la conferma della divisione del Paese... The post Trasformarsi in mense aziendali: una possibilità per ristoranti e bar di lavorare appeared first on Benessere Economico.
  • Dichiarazione redditi 2021: tutte le novità sulle spese detraibili e l’obbligo di tracciabilità
    Con l’arrivo della primavera si entra nel vivo della dichiarazione dei redditi. Nei modelli di quest’anno debuttano alcune importanti novità la riduzione progressiva dei bonus fiscali per i redditi alti, l’obbligo di tracciabilità e i... The post Dichiarazione redditi 2021: tutte le novità sulle spese detraibili e l’obbligo di tracciabilità appeared first on Benessere Economico.
  • Settimana lavorativa da 4 giorni: un modello che funziona anche in Italia
    Alla luce del progetto pilota, il Governo spagnolo si avvia alla fase di sperimentazione che prevede di ridurre l’orario lavorativo dei dipendenti senza diminuirne lo stipendio: una settimana lavorativa di 4 giorni per un totale... The post Settimana lavorativa da 4 giorni: un modello che funziona anche in Italia appeared first on Benessere Economico.

Categorie

di tendenza