Connect with us

Bolzano

Assoimprenditori: “Accordi aziendali per la sicurezza sul lavoro”

Pubblicato

-

Condividi questo articolo

Si è svolto ieri mattina il primo incontro in video-conferenza tra Assoimprenditori Alto Adige e le organizzazioni sindacali CGIL/AGB, SGBCISL, UIL-SGK e ASGB per monitorare l’attuazione dell’accordo siglato il 10 aprile scorso per l’adozione del Protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro.

In base al DCPM del 22 marzo, aggiornato poi con DCPM 10 aprile, le imprese la cui attività non risulta sospesa sono obbligate a rispettare le misure previste dal protocollo.

Queste riguardano, tra le altre cose, l’informazione sulle misure di sicurezza, l’utilizzo di dispositivi di protezione individuale idonei, l’organizzazione aziendale (turni, smart-working, utilizzo spazi comuni, ecc.).

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Pubblicità - La Voce di Bolzano

In vista della ripartenza, anche altre imprese si stanno già preparando: tra il 14 e il 24 aprile sono state una ventina le imprese aderenti ad Assoimprenditori Alto Adige con complessivi più di 7.000 addetti che hanno siglato appositi accordi aziendali coinvolgendo le rappresentanze dei propri collaboratori nella definizione delle misure più idonee.

Chi lavora nelle imprese sa meglio di tutti come si svolgono i processi produttivi e organizzativi. Avere demandato la decisione a livello aziendale è per questo la scelta migliore a tutela della sicurezza dei dipendenti”, concordano imprese e sindacati.

Afferma Vinicio Biasi, Vice-Presidente di Assoimprenditori con delega alle relazioni sindacali: “Il Protocollo condiviso tra imprese e organizzazioni sindacali e gli accordi aziendali che ne discendono dimostrano una grande assunzione di responsabilità sia da parte delle imprese che dei loro collaboratori e delle loro collaboratrici.

Pubblicità - La Voce di BolzanoPubblicità - La Voce di Bolzano

Questa responsabilità sarà ancor più importante nella Fase 2: le imprese sono chiamate a mettere in pratica le diverse misure di prevenzione, i collaboratori a rispettare le regole con senso del dovere e rispetto verso i propri colleghi”.

Assoimprenditori si augura che questo senso di responsabilità venga riconosciuto: “La logica che sosteniamo fin dall’inizio dell’emergenza Coronavirus è che quelle imprese che garantiscono sicurezza e tutela della salute dei propri collaboratori e delle proprie collaboratrici attraverso il rispetto del Protocollo condiviso devono poter lavorare”, così il Vice-Presidente Biasi riassume la posizione già espressa dalla Presidenza e confermata in settimana dai rappresentanti dei comprensori e delle sezioni di Assoimprenditori.

NEWSLETTER

Alto Adige3 settimane fa

Due “pendolari” dello spaccio arrestati al Brennero e riportati subito in Austria

Alto Adige3 settimane fa

È nato l’Osservatorio Economico UIL-SGK per l’Alto Adige: una nuova risorsa per il monitoraggio del mercato del lavoro

Arte e Cultura3 settimane fa

Tirolo: un paese diventato località turistica. Se ne parla in un libro

Sport3 settimane fa

Il nuovo casino online ‘Instant Casino’ è l’Official Regional Partner della Juventus

Alto Adige2 settimane fa

Proseguono i lavori per riaprire il passo Rombo e il passo dello Stelvio da oltre 5 metri di neve

Hi Tech e Ricerca4 settimane fa

Documenti elettronici: facciamo il punto sulla conservazione sostitutiva obbligatoria

Bolzano3 settimane fa

Ruba in un centro giovanile e aggredisce l’educatore. Arrestata giovane trentina

Bolzano3 settimane fa

I giovani imprenditori hanno bisogno di spazi, CNA e Comune uniscono le idee

Offerte lavoro3 settimane fa

Giustizia: concorso per diciannove posti a tempo indeterminato

Val Pusteria3 settimane fa

A San Candido un insolito curioso “caso” a lieto fine, grazie alla Polizia

Italia ed estero4 settimane fa

Chico Forti è rientrato in Italia dopo 24 anni

meteo3 settimane fa

Maltempo, la protezione civile emette l’allerta ordinaria (gialla)

Alto Adige3 settimane fa

Conferenze nelle scuole e visite alle Caserme dell’Arma: i Carabinieri incontrano oltre 1200 giovani studenti d’ogni ordine e grado

Politica4 settimane fa

L’aula del Consiglio regionale approva una mozione per il riconoscimento Istituzionale della “Bandiera Ladina”

Trentino3 settimane fa

Lavarone: dopo l’incendio si aspetta il nuovo Drago Vaia

Archivi

Categorie

più letti