Connect with us

Pubblicità - La Voce di Bolzano

Italia ed estero

Patto sui migranti, Ue: solidarietà ma niente ricollocamento obbligatorio

Pubblicato

-

Condividi questo articolo




Pubblicità

Con l’intento di superare il patto di Dublino e spingere sulla condivisione della solidarietà tra gli Stati membri, arriva dalla Commissione Europea il nuovo piano, presentato dalla Presidente Von der Leyen per una ripartizione più equa dei flussi migratori. Il pacchetto è basato su 3 pilastri principali: Primo fra tutti la collaborazione con i Paesi di partenza dei migranti, ciò significa che gli stati dovranno lavorare con tutti gli stati esteri.

Si aggiunge poi un maggiore controllo dei confini. Frontex, l’agenzia europea della guardia frontiera e costiera sarà fondamentale e rinforzata, in modo che si possa fare da subito un’identificazione attenta di tutte le persone che sbarcano con un’operazione di salvataggio o attraversano le frontiere dell’Unione Europea senza autorizzazione.

L’ultimo pilastro, uno dei più discussi all’interno del pacchetto, è il un nuovo sistema di solidarietà. La solidarietà infatti, ci sarà ma sarà flessibile significa che gli stati membri potranno scegliere se ricollocare i migranti o finanziare i rimpatri, se dopo 8 mesi il rimpatrio non è stato possibile i paesi saranno costretti ad accogliere definitivamente.

Nonostante il tema sia uno dei più delicati dell’Unione, e i ricollocamenti non saranno obbligatori come auspicava il Governo, con questo nuovo pacchetto si intravede un alleggerimento della responsabilità di gestione del migrante da parte del primo Paese di arrivo.

Infatti nel nuovo piano, se il migrante ha già un parente nell’Unione Europea, il paese in cui risiede il congiunto sarà responsabile anche per il nuovo arrivato, se il migrante in precedenza ha studiato o lavorato in uno stato diverso dal primo ingresso quel Paese sarà responsabile.

Il tema rimane comunque divisivo con Conte che lo definisce “un’importante passo verso una politica  migratoria davvero europea” e il blocco Visegrad con l’Austria che continuano a  rifiutare  il principio della redistribuzione, e che infatti sono già sul piede di guerra.

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Bolzano2 settimane fa

Fisioterapista aggredita a Bolzano con una coltellata alla gola

Italia ed estero2 settimane fa

Orrore per una tragedia familiare: uomo uccide moglie e due figli

Trentino4 settimane fa

Frana SS47 in Valsugana, riapertura in vista: si punta a marzo per il senso unico alternato

Alto Adige3 settimane fa

Corte d’appello di Venezia ammette definitivamente class action contro Banca Popolare dell’Alto Adige (Volksbank): le scadenze

Economia e Finanza4 settimane fa

L’AGCM interviene sul trasferimento di clienti da Intesa Sanpaolo a Isybank

Merano3 settimane fa

Straniero dà in escandescenza: guardia giurata aggredita a bottigliate finisce in ospedale

Trentino4 settimane fa

Orso insegue due ragazzi in Val di Sole

Bolzano4 settimane fa

Arrestato a Bolzano latitante per reati familiari e droga dopo sei anni di fuga

Laives4 settimane fa

A Laives i cittadini sono esasperati dalla situazione rifiuti

Società2 settimane fa

Edilizia abitativa agevolata: approvato il nuovo programma di interventi

Politica4 settimane fa

La nuova giunta provinciale dell’Alto Adige è stata eletta dal consiglio provinciale

Politica3 settimane fa

Philipp Achammer lascia la guida della Svp dopo dieci anni

Politica3 settimane fa

Arno Kompatscher esclude il doppio ruolo di presidente e segretario della Svp

Laives2 settimane fa

Incidente stradale a San Giacomo: ciclista 60enne ferito gravemente

Sport4 settimane fa

Sesto Pusteria in festa per il trionfo di Jannik Sinner nel suo primo Slam

Archivi

Categorie

più letti