Connect with us

Politica

Nicolini e Barbieri (M5S) annunciano: “Incarichi edilizia, presentato un esposto nei confronti del sindaco di Brunico”

Pubblicato

-

Nella tarda serata del 7 settembre al nostro quotidiano è stato comunicato, tramite indiscrezione, l’esistenza di un esposto depositato in agosto presso il Tribunale di Bolzano, dal consigliere provinciale del Movimento 5 Stelle Diego Nicolini e dal candidato Sindaco di Brunico, sempre del Movimento 5Stelle, Davide Barbieri e che da quanto si apprende, descrive eventi e circostanze accadute negli ultimi anni a Brunico, prendendo in esame principalmente la figura del Sindaco uscente Roland Griessmair.

Il documento in questione chiederebbe alla Procura di Bolzano di indagare su affidamenti di lavori progettuali e consulenze tecniche a favore dello stesso, sul proprio territorio Comunale dove lui ricopriva e ricopre tutt’ora la carica di primo cittadino.

Per avere ulteriori chiarimenti abbiamo contattato telefonicamente uno dei due firmatari, il candidato Sindaco pentastellato di Brunico Davide Barbieri, che ha confermato: “Si, l’esposto è stato effettivamente depositato ad agosto, il 12 per l’esattezza, da me e dal consigliere provinciale Diego Nicolini”.

Pubblicità
Pubblicità

Da dove è nata l’iniziativa di un esposto di questo tipo? Qualcuno potrebbe accusarvi di volere avanzare un attacco politico nei confronti di Griessmair in piena campagna elettorale.

Non essendo stata fatta una conferenza stampa o un comunicato da poter utilizzare come attacco diretto politico, è evidente che la nostra azione è stata mossa dai nostri principi di assoluta trasparenza ed onestà. La questione è incominciata abbastanza semplicemente durante la preparazione del programma elettorale per Brunico. Camminando per la città ed interfacciandomi con alcuni nostri concittadini, ho avuto lo spunto per iniziare a fare delle ricerche, tra foto, atti pubblici e contatto con il giusto legale, l’avvocato Mattia Alfano di Firenze, che ringrazio.

Così è nato questo esposto, che chiede semplicemente di indagare ed eventualmente rilevare e punire determinati comportamenti del Sindaco Griessmair ed eventuali omissioni da parte di altri. Ovviamente, quello che ho fatto io con Nicolini era nelle possibilità di tutti i cittadini o delle persone che erano nella Giunta o nel Consiglio, dato che loro dovrebbero essere i controllori del lavoro della maggioranza, ma a quanto sembra nessuno ha mosso un dito.

Il massimo dell’approfondimento sulla condotta del primo cittadino si è potuto leggere in un articolo recentemente pubblicato sul quotidiano di lingua tedesca Suedtiroler Tageszeitung, nel quale viene riportato un timidissimo commento con la pronta replica di Griessmair subito sotto, da parte di un altro candidato Sindaco per Brunico, quello del Team K. Una dichiarazione che tuttavia non accennava ad eventuali illeciti, solo ad un ‘comportamento non giusto’. Come biasimarlo, hanno anche perdonato il loro leader per la storia dei 600 euro richiesti all’INPS durante l’emergenza Covid”.

D’accordo Barbieri, ma dobbiamo insistere per avere qualche dettaglio dell’esposto.

Guardi, per quel che ne so il tribunale ha 150 o 180 giorni di tempo dalla data del deposito per dare notizie su cosa intenda fare, fondamentalmente lascerei il lavoro del giudizio a loro e giusto per rispondere alla sua domanda in maniera esauriente le dico che il documento affronta fondamentalmente tre questioni: la prima questione è che il Sindaco ha avuto “commissionati” lavori di progettazioni e di consulenza tecnica in concessioni edilizie private sul proprio territorio di competenza Istituzionale, e questo so per certo che è un comportamento irregolare come riporta l’art. 78 c.3 del d.leg. 267 del 2000, il famoso Testo Unico degli Enti locali che recita: ‘I componenti la Giunta Comunale competenti in materia di urbanistica, di edilizie e di lavori pubblici devono astenersi dall’esercitare attività professionale in materia di edilizia privata e pubblica nel territorio da essi amministrato’.

Secondo quanto riportato da Barbieri e Nicolini, la presunta condotta non lineare da parte di Griessmair sarebbe confermata anche da sentenze importanti come quella emessa dal T.A.R. Di Trento su una questioni che paiono del tutto analoghe (7 giugno 2018 n.126 Testo).

“La seconda questione è l’ipotesi, in ottica di una possibile responsabilità penale, del reato di cui all’art. 323 c.p. cioè abuso d’ufficio, poiché ogni qualvolta il Sindaco compare nei verbali o nelle autorizzazioni di concessione edilizia come progettista o come tecnico, la commissione e l’assessore autorizzano chi dovrebbe presiedere la stessa decisione, cioè il Sindaco stesso, ed infine la terza questione è che sembra faccia anche consulenza tecnica su progetti e lavori, affidati dalla Provincia tramite appalti pubblici, a Ditte private come quella che si occupa della costruzione di uno dei Lotti del futuro Noi TechPark di Brunico.

Spero davvero che tutte queste supposizioni avanzate da me e da Nicolini abbiano il prima possibile risposta, perché questi sono fatti che metterebbero a dura prova la fiducia di un cittadino nei confronti di chi lo governa direttamente, in questo caso nei confronti del Sindaco uscente di Brunico (che tra il resto ha da poco annunciato la propria ricandidatura per le prossime comunali ndr) e tutta la sua precedente giunta e Consiglio Comunale”.

Barbieri chiede poi di poter spiegare le ragioni per le quali ha preso la decisione di scendere in politica per la sua città.

Se permette un commento personale – ha affermato – e approfittando della questione, volevo raccontarle del perché ho deciso di iniziare a mettermi in gioco in una realtà politica difficilissima per un italiano come quella di Brunico. Tempo fa parlando con una signora della situazione attuale che purtroppo è presente politicamente a Brunico,  le sento orgogliosamente dire ‘Ma si che in fondo comportandoci bene (gruppo Italiano) in questa maniera calma e pacata un passettino alla volta qualcosa otteniamo’. Cioè un po come dire ‘aspettiamo che finiscano di pranzare così poi ci andiamo a prendere le briciole’.

Sentire un discorso del genere da parte di una donna mi ha molto colpito, e li ho iniziato a capire che doveva essere fatto qualcosa, bisognava aprire il vaso di Pandora e far vedere a tutti quello che realmente c’è dentro a Brunico e nel resto della Provincia, e fortunatamente qualcuno mi sta iniziando a dare retta, grazie anche alla vicinanza di Diego Nicolini e di tutti i consiglieri Comunali del Movimento 5 Stelle nei vari Comuni dell’Alto Adige, e grazie anche alla vicinanza degli attivisti presenti sul territorio e grazie al nostro Riccardo Fraccaro che spesso riesce a farci sentire la sua vicinanza ed il suo appoggio nonostante l’importante incarico Istituzionale che ora riveste. Nel 2020 ci deve essere trasparenza totale, partecipazione totale ed onestà e legalità totale e purtroppo nelle mie ricerche qui a Brunico non ne ho trovata nella Casa dei Cittadini”.

Il Consigliere Provinciale Diego Nicolini, contattato successivamente dalla nostra redazione ha detto “Visto il materiale raccolto da Davide e letto l’esposto scritto dall’Avv. Alfano, e vista l’eventuale gravità e portata delle azioni, da parte mia era doveroso informare la Procura competente. In fondo è anche il lavoro del portavoce del Movimento 5 Stelle, raccogliere segnalazioni di presunti comportamenti scorretti, fare delle ricerche ed avvisare chi di competenza”.

Sotto, uno stralcio della sentenza del T.A.R. Di Trento 7 giugno 2018 n.126 indicata dal candidato Sindaco per Brunico, Davide Barbieri Testo

Pubblicità
Pubblicità

NEWSLETTER

Archivi

Categorie

di tendenza